‘A canzone de’ marenare

Addio serate ‘e luna, addio mandulinate
avimme fà ‘e surdate e tutto è pronto già,
arraggia ‘int’ ‘a marina ‘nnammuratella mia
me resta a pucundria ma turnarraggia a te.
Quanno ‘a patria ce chiamme simme pronte a partì
surdate ‘e terra o ‘e mare è a stessa cosa
lassamme casa mamma sora e sposa,
cu nu palpito ‘ncore ‘e ricorde cchiù care
a Taranto Venezia Spezia e Napule
so’ sempe pront’ ‘e marenare.

‘Nu vase e po’ n’abbraccio ca’ ll’ora s’avvicina
‘na bella cartullina t’ ‘a mannarraggia ‘a llà
e nun’ ‘avè pensiere sì siente ‘na tempesta
l’Italia addà fa festa vittoria purtarrà.
Quanno ‘a patria ce chiamme, simme pronte a partì
surdate ‘e terra o ‘e mare è a stessa cosa
lassamme casa mamma sora e sposa
cu nu palpito ‘ncore ‘e ricorde cchiù care
a Taranto Venezia Spezia e Napule
so’ sempe pront’ ‘e marenare.

Cu nu palpito ‘ncore ‘e ricorde cchiù care
a Taranto Venezia Spezia e Napule,
so’ sempe pront’ ‘e marenare.

Potrebbero interessarti anche...

WP Radio
WP Radio
OFFLINE LIVE