‘A dummeneca addò t’a faje

  •      ‘A DUMMENECA ADDO’ T’ ‘A FAJE (A. Crovella – E. Iglio – M. Salerni)

Tu ca sì milionario comme faie
a dì ‘int’ a semmane resto ‘a casa
non esci non lavori come mai
soltanto la domenica però
te mietti dint”a machina
e scendi da Posillipo
destinazione Licola nisciuno adda sapè
‘a dummeneca addò t”a faje
‘a pizza addò cafè shakerato o frappè
ma alle donne tu che le dai
te corrono appriesse perchè tu hai quel non so che
per te diventa facile e sai corteggià
hai sentimenti nobili e sai pure abballà
‘a dummeneca addò t”a faje
nun te ‘ncontro mai in città
quella bionda platinata le saputa conquistà
te l’he purtata abbascio Marechiaro
da Giuseppone a mare pe magnà
tu sì parsimonioso è un caso raro
e con la bionda nun vuò sfigurà
sì cunusciuto a Napule e pò to’ può permettere
ma sulo la domenica tu vaie accà e allà
‘a dummeneca addò t”a faje
ma alle donne tu che le dai
per te diventa facile e sai corteggià
hai sentimenti nobili e sai pure abballà
‘a dummeneca addò t”a faje
t’aggio visto qui in città
quella bionda platinata c’ha saputo cumbinà
quella bionda platinata c’ha saputo cumbinà