‘A fede

Padrone ve saluto
mettitangillo nu bicchiere ‘e vino
tenevo ‘a fede e ‘a fede aggiu perduto
ero guaglione e mo’ me so ‘nvecchiato,
ce steva ‘na perzona e se ne gghiuta,
era l’ammore e ammore m’ ha lassato
e cc ‘è vevimmo ‘a ‘coppa e cu salute
padro’ n’atu bicchiere ‘e vino
nire comme chi porta ‘o lutto astritto
ce lo vogliamo bere per questo cuore
scunsulato e afflitto
chistu core si nun piglia ‘na pelle
mm’e sonno tutt’ ‘e notte
alla mia bella.
Ammore ammore e comme te ne vanta
me viene ‘nzuonno ride e me turmiente
io che ero n’ommo e mmo sò nu sciaquante
io ch’ ero guappo e mo sò n’ommo ‘e niente
‘mbriaco e bonanotte a tutte quann’
embè cu na penzat’ ‘e bella
mo cò lucale ‘nzerra a tarda sera
cu na botta ‘e curtiello sotto a stu scem’ e
core e bonasera
e currite, chiammate ‘o canteniere
no nun è niente è l’urdemo bicchiere.
Padrò n’atu bicchier’ ‘e vino
nire comme chi porta ‘o lutto astritto.
Ammore te saluta pochi minut’ e pò
me ne so gghiut’
gente che state attuorno al morituro
menate stu ‘mbriaco sott’ ‘o muro