‘A litoranea

Saccio ca suoffre pe’ me
saccio ca muore pe’ me
io tengo ‘o tiempo cuntato
sto’ sempe affarato
ma soffro chiù ‘e te
trenta minuti che sò
int’a mezzora che vuò
pe nun ghi a fernì luntano
io te purtaie a parte e ccà
litoranea vuò sapè che sì
tu sì a villa e chi nun pò tardà
quatte passe a per’
st’amme ‘nnanze ‘o mare
quatte passe arreta
stamme ‘o centro d”a città
vocca bella pe se fa vasà
saie che dice quanno staie cu’ mmè
jammo a parte ‘o verde
ccà ce’ stà chi guarda
jammo ‘a litoranea
che chi passa nun se scorda
e accussì ‘nnammurat carnal
ce vasamme ma senza parole
e stì vocche po tutto pe’ tutto
se contano ‘o fatto che s’hanna cuntà
litoranea vuò sapè che sì
tu sì a villa e chi nun pò tardà
sì ‘a mezz’ora ‘e tiempo
passa comm’e ‘o lampo
litoranea mia tenimmo a te.
Io penso ‘e vvote ‘e cantà
tu già prugiette ‘e cagnà
dici Posillipo alto facciamoci un salto
che in fondo che ffà
po io me metto a penzà
po tu te miette a cuntà
e Posillipo è scartato
pecchè ‘o tiempo nun ce stà
litoranea vuò sapè che sì
tu sì a villa e chi nun pò tardà
quatte passe a per’
st’amme ‘nnanze ‘o mare
quatte passe arreta
stamme ‘o centro d”a città
vocca bella pe se fa vasà
saie che dice quanno staie cu’ mmè
jammo a parte ‘o verde
ccà ce’ stà chi guarda
jammo ‘a litoranea
che chi passa nun se scorda
e accussì ‘nnammurat carnal
ce vasamme ma senza parole
e stì vocche po tutto pe’ tutto
se contano ‘o fatto che s’hanna cuntà
litoranea vuò sapè che sì
tu sì a villa e chi nun pò tardà
sì ‘a mezz’ora ‘e tiempo
passa comm’e ‘o lampo
litoranea mia tenimmo a te.
vocca bella pe se fa vasà
saie che dice quanno staie cu’ mmè
jammo a parte ‘o verde
ccà ce’ stà chi guarda
jammo ‘a litoranea
che chi passa nun se scorda
e accussì ‘nnammurat carnal
ce vasamme ma senza parole
e stì vocche po tutto pe’ tutto
se contano ‘o fatto che s’hanna cuntà
litoranea vuò sapè che sì
tu sì a villa e chi nun pò tardà
sì ‘a mezz’ora ‘e tiempo
passa comm’e ‘o lampo
litoranea mia tenimmo a te.