‘A mal’annummenata

  •     ‘A MAL’ANNUMMENATA (R. Foriani – E. De Mura 1966)

Nun a da retta ‘a gente
quanno te parla ‘e me
‘o munno è malamente
vò ridere cu’ mmè
cchiù d’uno int”o quartiere
cu’ te se vò spassà
e le farria piacere
vedennece ‘e lassà
io porto sulo ‘a mal’annummenata
ma nun esiste niente
‘e chiacchiere da gente
tu sola tu sì ‘a sola ‘nnammurata
pe’ me l’unica gioia
è chesta vocca toja
acqua passata nun ritorna cchiù
po core mio esiste sulo tu
io porto sulo ‘a mal’annummenata
e crideme pecchè io sò n’at ommo
che t’aggio ‘ncuntrata
e voglio bene a te sultanto a te
tu sola tu sì ‘a sola ‘nnammurata
pe’ me l’unica gioia
è chesta vocca toja
io porto sulo ‘a mal’annummenata
e crideme pecchè io sò n’at ommo
che t’aggio ‘ncuntrata
e voglio bene a te sultanto a te