‘A mercante

Io quanno veco a vuje
bella e smargiassa
me vene l’acquolina
‘mponte ‘o musso mercanta mia
fatica ‘na cuntessa de scarpe
e de bellizze e qualità
è naturale ca facite ‘o musso
pecchè ve piace ‘e vennere e accattà
chi nun accatte e nun venne
nun saglie e nun scenne
e vennitele sta vocca
e accattateve ‘stu core
io nun pretendo ‘e ve ‘mparà ‘o mestiere
ma nu cunsiglio pure ‘o saccio dà
chi nun accatte e nun venne
nun saglie e nun scenne
e vennitele sta vocca
e accattateve ‘stu core
chi so piglie fa n’affare.
O saccio che cchiù d’uno do quartiere
ha mise l’uocchie ‘ncuollo a st’uocchie nire
ma vuje cercate l’ommo che denare
‘o capitale avita raddoppià
io senza offesa ‘a tengo quacche lira
pe fa chistu commercio in società
chi nun accatte e nun venne
nun saglie e nun scenne
e vennitele sta vocca
e accattateve ‘stu core
io nun pretendo ‘e ve ‘mparà ‘o mestiere
ma nu cunsiglio pure ‘o saccio dà
chi nun accatte e nun venne
nun saglie e nun scenne
e vennitele sta vocca
e accattateve ‘stu core
chi so piglie fa n’affare.
io nun pretendo ‘e ve ‘mparà ‘o mestiere
ma nu cunsiglio pure ‘o saccio dà
chi nun accatte e nun venne
nun saglie e nun scenne
e vennitele sta vocca
e accattateve ‘stu core
chi so piglie fa n’affare.