‘A mulignana

Mammà che ne facesse meza bona
‘a cunfidato ‘o ‘nnammurato mio
ca io tengo ‘nu vulìo e mulignana
‘o nnammurato mio che è ‘nzisto assaje
me sta sfruculianne ‘a na semmana
che vò vedè pe forza ‘a mulignana
e ghiamme Margarì famme cuntento o vì
io quanno ‘a veco e po nun dico niente cchìu
guagliò nun me seccà ‘a tiene a tengo sì
e dimme o posto addò no nun to pozzo dì
sì nera a dinte e a fore cuscienza anema e core
e chesto ‘o ddice pure ‘a parulana
‘a tengo nera nera a mulignana.
Cu’ chi m’ha piglio con la mia sfortuna
sì mamma mia teneva ‘a vocca chiusa
e nun chiacchieriava cu’ nisciuno
io mò nun suppurtasse a chillu ‘mpiso
che me fa sempe ‘a stessa litania
e vò vedè ‘sta mulignana mia
e ghiamme Margarì famme cuntento o vì
io quanno ‘a veco e po nun dico niente cchìu
guagliò nun me seccà ‘a tiene a tengo sì
e dimme o posto addò no nun to pozzo dì
sì nera a dinte e a fore cuscienza anema e core
e chesto ‘o ddice pure ‘a parulana
‘a tengo nera nera a mulignana.
Neh ieri sera ‘mpunto mezanotte
sentetto ‘a vascio ‘na scampanellata
scennetto miezo e grare e isso ‘e botto
m’ascette ‘e faccia afflitto ‘e scunsulato
sì bella e ‘nfame assaje peggio ‘e ‘na cana
ma io moro sì nun veco ‘a mulignana
sò nera a dinto e ‘a fore cuscienza anema e core
e chesto ‘o ddice pure ‘a parulana
‘a tengo nera nera a mulignana.