‘A rosa rosa

  •     ‘A ROSA ROSA (M. Miccio – G. D’Anzi 1959)

Quann’esco fora ‘a loggia chiena ‘e sole
m’aspettano affacciate mille rose
‘a cierte donghe ‘e nomme d”e figliole
ca’ spisse m’hanno fatte ‘nnammurà
‘a rossa ardente ‘a janca ‘maculata
ne teng ciente e ciente qualità
o core se profuma quanno stò mieze ‘e rrose
e penso a tutt”e ccose belle cercate ‘a me
carizze doce doce vo da cheste a chelle
e po ‘na parulella a ognuna l’aggia dì
marì comme sì languida Rusì sempe addurosa
sì nu bucciuolo tennero Carmè se sfrena ‘a fantasia quanno stò mieze ‘e rrose cu’ loro ‘ncumpagnia
me sente ‘ntenerì me sente ‘ntenerì
‘O core se ‘mprofuma quanno stò mieze ‘e rrose

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *