Clementina Santafe’

  •     CLEMENTINA SANTAFE’ (G. Pisano – G. Cioffi 1938)

La maestra elementare, Clementina Santafè,
che è costretta a sopportare
n’imbecille ccomm’a tte.
Tu non hai galanteria,
non conosci sciccheria…
Ccà si nun se trova’a via
sa che guiaio sarai per me.
Sei comune, sei cafone, sei cretino.
Sei cretino, sei cafone, sei villano:
Tu me piglie ‘a mana ‘mmano e dici:
Viene’a ccà…
Si me daie nu vaso mmocca te rialo nu babà.
Ah! Io non posso sopportare
queste tue volgarità!
(Villanzo! Mascalzon!
Va..va…va..va..va..lla!)
L’altro giorno in trattoria tu me fatto stravedè,
dice: ‘O stocco è a morta mia!
E te l’ordini per te.
Quanno arrivano e pietanze
senza regole e creanza
tu me lieve ‘o pesce ‘a nanze
e me daie ‘o stooco a me?
Sei comune, sei cafone, sei villano
sei villano,sei cafone sei cretino:
Te veviste tutto’o vino
po’ diciste: Vienee ‘a ccà

Si me faje piglià ‘o passaggio
ce ne jammo al cinema’
Oh! Io non posso sopportare
queste tue volgarità
(Villanzo! Mascalzon!
Va..va… va… va.. va..lla!)
Ieri dissi: Sà.. mi sento nello stomaco… che sò..
‘nu disgusto.. nu tormento
Mi sai dire che ce vò?Stammatina m
e purtato
trenta grammi di solfato
e mi hai detto: L’ho pagato
quattro soldi e te lo dò.
Sei comune, sei cafone, sei villano
sei villano, sei cretino sei cafone:
Io m’affaccio dal balcone
per venirti a salutà..
E tu ‘a vascio: Tiene a mmente
ca stasera ti ‘a purgà
Uh! Io non posso sopportare
queste tue volgarità
(Villanzo! Mascalzon!
Va..va… va… va.. va..lla!)