‘E ccampane napulitane

Sunate ccampane spezzate ‘e mmure scetate ‘sta città
è Piererotta ‘a festa d”e guagliune ognuno vò cantà
‘mbriaca ‘e musica ‘a gente cammina penza a ridere penza a vasà
e nisciuno scummetto cunosce stì ccampane ca sente ‘e sunà
sò ‘e ccampane d”o cinqueciento fatte all’epoca d”e spagnuoli
sò ccampane bruciate ‘e sole sò ccampane ‘e felicità
ca’ ricordano Masaniello Culumbina e Pulecenella
‘e vaiasse ‘nnanze ‘o castiello c’abballavano ‘a tarantella
hanno visto Cimarosa ‘ncopp’ ‘o cembalo ‘mpruvvisato
se’ ricordano ogni cosa brutta o bella ‘e ‘stà città
stì ccampane napulitane sò campane ‘e felicità.
Faciteve sentì ccampane ‘e spose nun ve fermate cchiù
ogni balcone è ‘na schiuppata ‘e rose sotto a ‘stù cielo blu
‘a Pusilleco ‘a coppa ‘a ‘nfrascata è ‘nu suono ca’ vene e ca’ va
accummencene ‘a primma matina e cchiù allero ogni core se fa
sò ‘e ccampane d”o cinqueciento sò ‘e ccampane d”e marenare
mò ricordano juorne amare mò ‘na nenna ca’ và a spusà
pure sott”e bumbardamente mentre Napule s’abbruciava
scampaniavane alleramente chillu suone ce’ cunfurtava
hanno viste ‘e marrucchine ‘ncoppe ‘o Vommero ‘e passià
carrarmate ‘int”e ciardine tutt”e pene ‘e ‘sta città
ma ‘e ccampane napulitane ogni cosa fanno scurdà