‘E femmene ‘e mare

  •      ‘E FEMMENE ‘E MARE (di Rino Giglio – Rodolfo Fiorillo)

‘E femmene ‘e mare so’ femmene amare
so femmene doce so’ femmene overo
‘femmene ‘e mare nun rideno maie nun rideno maie
nun so’ maie sincere
‘e femmene ‘e mare sa portan ‘a dinto
sa portano ‘a dinto alleria do campa’
‘e femmene ‘e mare nun sanno fa ammore
ma songhe criature ma sanno sunna’
‘e femmene ‘e mare so’ femmene sole
so femmene annure vestute e paure
e guardano n’cielo e se fanno a croce
e gghiastemmano sempe nun tenene pace
‘e femmene ‘e mare se torcene e mane
se schiattano n’cuorpo p’arraggia
‘e femmene ‘e mare se mettono scuorno do viento
che passa tuccannele e cosce
‘e femmene ‘e mare s’annasconneno ‘o core
areto a ‘sta luna tutt’e’ vvote che ghiesce
‘femmene ‘e mare addorano e sale
‘e o bene co’ male cu a notte fernesce
e o juorno s’affaccia n’fucato a ‘stu sole
‘stu sole c’appiccia ‘sti facce ‘e paura
chist’uocchie sperdute e chi aspetta a nisciune
chist’uocchie e speranza e chi aspetta a furtuna
‘e femmene ‘e mare se torcene e mane
se stipano n’cuorpo p’arraggia
‘e femmene ‘e mare sa portano n’cuolle ‘sta sciorta
nu scialle e ‘o tiempo che passa.