‘E rrose parlano

  •     ‘E RROSE PARLANO (Cioffi – Pisano 1948)

T’aspetto int’ ‘o ciardino ‘e Capemonte
stasera a ‘e sette,
addò c’appicecaimo ll’ata sera
pe’ nu dispietto.
‘E rrose nun permettono che stammo appiccecate,
na rosa tea m’ha fatto st’ammasciata.
‘e rrose parlano,
pe’ mme e pe’ tte,
e ssaje che diceno,
‘o vvuò sape’?
l’ammore è nu profumo ‘e primavera,
‘a primavera passa e se ne va!!!
perciò, nun ce lassammo cchiù,
ca dinro a nu minuto,
fernisce ‘a giuventù.
Stongo guardanno ‘ncielo e sto aspettano
ca sponta ‘a luna,
e s’avvicina ll’ora, ca tremmanno,
me staje vicino.
Te voglio vedè chiagnere
p’’o bbene e ‘a gelusia,
e doppo t’aggia di’:
«Si ‘a vita mia»
‘e rrose parlano
…………………………