La fata di Amalfi

Chiagnarrò la mia sventura
si nun tuorne cchiù Rusella,
tu, d’Amalfi la cchiù bella,
tu, na Fata si pe’ mme.
Viene viè Regina mia
viene, curre a chistu core
ca non c’è, non c’è no sciore
non c’è stella comm”a tte.
Co chi parlo? Ahi sconsolato!
Addò sta la Rosa mia?
S’è sfrunnata pe’ la via
e cchiù addore non me dà.
No segnore la vedette,
so tre mmise ch’è scappata
ma co tutto ch’è na sgrata,
non la pozzo io maie scordà.
La matina che pe’ tempo
vaco a Natole ‘mbarchetta,
pare tanno che m’aspetta
e la mano mo vò dà!
Quanno po’ lo cielo scura,
ed io vaco pe’ piscare,
mezzo all’onne de lu mare
veco pure che sta llà!
E turnanno a la capanna,
la saluto a lo barcone
e la solita canzone
vaco tanno pe’ cantà:
viene viè, tu si na stella,
tu d’Amalfi sì la Fata…
Ma la rosa s’è sfrunnata
ed io l’aggia da scordà!