Mare ‘e Margellina

  •     MARE ‘E MARGELLINA (R. Viviani)

Chesta sciamma a ppror’ ô vuzzo
sciulia lenta ‘ncopp’â ll’acqua,
mentre ‘e lato ‘o mare sciacqua
quanno ‘o rimmo sta ‘affunnà!
Sott‘â prora ‘o vverde chiaro
vide ‘a rena, ll’erba ‘e scoglie,
truove ‘o purpo, ‘o lanze e ‘o cuoglie
e ttu sî ssicuro ‘e ll’appezzà!
Mare turchino, che vvuo’? è ddestino,
‘nu piscatore t’à dda bbenedì.
Nun ce ‘sta mare ‘e te cchiù ccristallino,
cchiù ttrasparente e llimpido accussì.
Cu ‘sti tirate ‘e rrezze ‘e ‘sta marina
ce fanno sempe ‘nterra Margellina
ca sciala ‘e pesca e ‘aonna ogne paranza
tu sî cchiammato ‘o mare ‘e ll’abbundanza!
Ccà pure ‘e pisce tanto da priezza
‘mieze stunate cadono ‘int’’a rezza
e po’ piacere ‘e ce putè venì
corrono a mMargellina pe mmurì!
Sponta ‘a luna a vVillanova,
rossa rossa e, a ‘nu mumento,
saglie ‘ncielo e sse fa argiento
cu ‘na luce ‘e rarità!
‘O Vesuvio se ‘ntravvede,
’ascensore illuminato,
ogne tanto ‘na vampata
pe tte putè dicere “Io sto cca!”
Mare turchino, che vuo’? è ddestino,
chi è ‘nnammurato t’à dda bbenedì!
‘St’ammore mio durmeva a ssuonno chino,
mo s’è scetato pecchè a dditto sì.
Femmene bbelle ‘e tutta ‘sta marina
purtate ‘o core ‘nterra Margellina,
addò ca ‘e pisce senteno ‘a priezza
e ‘nzieme a lloro cadono ‘int‘â rezza…
‘O sanno ‘e pisce comme ‘o sanno ‘e core
ca a mMargellina ‘o mare è ttraditore,
ma è ttroppo bbello pe pputè fuì
e ‘o meglio pizzo ‘o munno pe mmurì!