‘Na rosa e ‘na buscia

Carmela cchiù doce d”o bene
cchiù amaro d”e pene sì stata cu’ me
m”he data ‘na rosa cchiù rossa d”o fuoco
e ‘sta vocca carnale cchiù ‘e te
e mò tutt’ ‘nzieme anema mia
m”he lassata ‘na buscia
nun t”he fatt’ cchiù vedè
pecchè m”he lassate pe’ na via
cu’ ‘na rosa ‘ncumpagnia
senz”amice e senz”e te.
‘Stu mese ‘stu mese d”e rrose
me parlane ‘e ccose cchiù triste pe’ me
sì è Maggio nun pare che è Maggio
Carmela cchiù doce d”o bene
cchiù amaro d”e pene sì stata cu’ me
m”he data ‘na rosa cchiù rossa d”o fuoco
e ‘sta vocca carnale cchiù ‘e te
e mò tutt’ ‘nzieme anema mia
m”he lassata ‘na buscia
nun t”he fatt’ cchiù vedè
pecchè m”he lassate pe’ na via
cu’ ‘na rosa ‘ncumpagnia
senz”amice e senz”e te.
‘Stu mese ‘stu mese d”e rrose
me parlane ‘e ccose cchiù triste pe’ me
sì è Maggio nun pare che è Maggio
stì rrose nun voglio nemmeno vedè
e mò …. pecchè … m”he lassate pe’ ‘na via
cu’ ‘na rosa ‘ncumpagnia
senz”amice e senz”e te.