‘O balcone d’ ‘a simpatia

‘E rimpetto ‘a fenesta mia
stà ‘o balcone d”a simpatia
‘na frischezza ‘e guagliona
bella brunettella
‘a cchiù bruna è ‘na guappetella
cu’ ‘nu nievo ‘ncoppa ‘a faccella
fa ‘e servizie e nun guarde ‘e stelle
comme fanne chell’ati tre
e aspetto che s’affaccia
‘a guappetella cu’ ‘nu nievo ‘nfaccia
cu’ l’uocchie ‘e passione
e labbre rosse comme ‘a ‘nu mellone
che farrìa pe’ ma guardà
che darrìa pe’ ma vasà
l’autriero me ‘ncuntraie
cu’ l’uocchie dint” l’uocchie e me ‘ncantaie
‘ncantat’ rimanett’
quanno ‘o balcone ‘nfaccia me chiudette.
Chesti brune sò quatte sore
e ‘a cchiù grossa nun tene core
l’ati tre sò tre cianciuselle tunnulelle
ma ‘a superbia d”a guappetella
m”a culpito dint”a ‘na scella
e io me sento comme ‘a n’auciella
ca’ stà pena vò fà sapè
e aspetto che s’affaccia
‘a guappetella cu’ ‘nu nievo ‘nfaccia
cu’ l’uocchie ‘e passione
e labbre rosse comme ‘a ‘nu mellone
che farrìa pe’ ma guardà
che darrìa pe’ ma vasà.
Ajere s’affacciaie
spanneva ‘e panne quanne me menaie
nu fulmine ‘ luntano
pecchè ‘nu panno l”e cadette ‘a mano
che farrìa pe’ l”e parlà
che darrìa pe’ m’abbraccià
mò m’appresento ‘o pate
le dico sì essa vò sò ‘nnammurato
tengo l’impiego ‘a posta
ma sposa ‘int”a ‘nu mese ‘a figlia vosta.
Che farrìa pe’ l”e parlà
che darrìa pe’ l’abbraccià.