‘O palluncino

Je stong o primme piane
e Nenna mia sta o quinto,
o pate capitano
‘a tena nchiusa a d’into,
pe di a sta nenna bella
ca song nnamurato
Jje voglio fa na cosa
sentite sta pensata.
Io m’accatto nu palluncino
e c’attacco nu bigliettino
addo scrivo mio dolce bene
è il mio cuore che vola a te,
ma saglienno stu palluncino
a fenesta d’o quinto piano
si pe caso sta o capitano,
che succere l’aggia pensà:
me straccia o biglietto,
me schiatta o pallone,
me resta ‘int”è mmane
‘o cape e cuttone.
Je vac a fa o surdato
e pe nu fatto strano,
sò proprio cumannate
a chistu capitano,
nu pass na jurnat
ca nun song ‘e ramazz,
ma si agg na licenza
Verite cos’è pazz.
Je m’accatt nu palloncino
e c’attacco nu bigliettino
addo scrivo mio dolce bene
è il mio cuore che vola a te,
si pe caso sta o capitano,
che succere l’aggia pensà:
me straccia o biglietto,
me schiatta o pallone,
me leva a licenza
e me schiaffe n’prigione.
Ma si attacco stu palluncino
nfacc’ ai ferri del mio balcone,
con il solito bigliettino
è il mio cuore che vola a te,
e sapenno ca ‘o capitano
sta aspettanno stu palluncino,
corro subito o quinto piano
alluccanno nannì sto cca.
Lui aspetta o biglietto,
lui aspetta ‘o pallone,
io traso da porta
e me vaso ‘a guagliona.
‘E volant’, ‘e volant’
‘e cchiu belli portalettere ‘e ll’ammore.