‘O prufessore ‘e Carulina

All’otto e mmezzo trase dint’a classe
se guarda attuorno e se fa russo, russo.
S’è appena laureato
e ‘hanno mannato ccà
comme supplente ‘e scola
dall’università.
‘O prufessore ‘e Carulina
chillo d’a quarta ginnasiale
le sta venenno ‘o male ‘e core…
Che succede ,
prufessore… prufessò.
E mo ‘na bionda se dà ‘ russetto
e mò ‘na bruna fa ‘a resatella.
E vuie spiegannele chi è Catullo
ve vene ‘o sfizio de vasà… e già…
Facite ‘a corte a Carulina
e ve scurdate ‘e Cicerone.
Ve sta venenno ‘o mmale ‘e core
prufessore… prufessò
‘O preside l’ha ditto stamattina:
“So’ tutte intelliggente ‘sti guaglione.
Nun veco mai ‘nu zero,
nun veco mai ‘nu tre.
Vuie data sempre dieci,
spiegateme pecchè?…”
‘O prufessore ‘e Carulina ecc.ecc.
Finale:
Comme so’ belle ‘sti guaglione,
prufessore… prufessò!…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.