Pusilleco ‘e Surriento

I’ sto a Surriento: ‘O sole se n’è sciso,
‘na striscia ‘e luce ‘nc’ è rimasta ancora…
Se legge chiaro tutto o ‘o Scoglio ‘e Friso;
‘E lume già se vedeno ‘e tremmà.

I’ penzo: Rosa mia mo se ritira,
è ll’ora ca i’ vaco pe fa ‘ammore,
va trova si me penza e si suspira
e si addivina ca i’ stongo ccà.

Rosa, Rosa!
Pe mmiezo nce sta ‘o mare… e nun è ccosa…
Si scenne ‘o maistrale int’ ‘a nuttata,
mollo ‘o trinchetto e a ghiuorno sto cu tte.

Da ‘o Scoglio ‘e Friso i’ veco ‘o sole ch’esce:
ncoppe Surriento è na sfrunnata ‘e rose,
‘o sole cchiù s’aiza e ‘a luce cresce,
abbaglia ‘a vista e nun se fa guardà!
I’ penzo: Mmaculata mo se sposa,
arape ‘a fenestella e guarda ‘o mare:
va trova si me penza e si è gelosa…
E si addivina ca ‘i stongo ccà?!
‘Mmaculata!
Sta varca mia a Pusilleco è ‘nchiummata!…
Si ‘ncasa stu grecale, i’ mollo ‘a cimma
E dinto a nniente stongo ‘mbraccia a tte!