Quann’ero surdato

  •     QUANN’ERO SURDATO (Rispoli – Cambio 1954)

Quann’ero ‘nu surdato ‘e fanteria,
‘Na sera ca passavo pe’ ‘na via,
Dint’a ‘na luggetella ô primmo piano
Vedette ‘o meglio sciore ‘e giuventù.
E quanno chillo sciore me guardaje
‘O core ca durmeva se scetaje.

Ma che sfurtuna, doppo ‘nu minuto
Pà-pà-pà-pà! Sentette ‘a ritirata.
Sciurillo ‘e primmavera, te saluto.
Dimane stongo ‘n’ata vota ccà.

E dint’ â luggetella ‘a rivedette.
– Pecché nun scinn’abbascio? – Le dicette.
Me rispunnette cu ‘nu filo ‘e voce:
– Se m’aspettate, adesso vengo giù. –
Nun saccio quanto tiempo ll’aspettaje,
Po’ verso ‘e nove ‘nnanze m’ ‘a truvaje.

Ma che sfurtuna, doppo ‘nu minuto
Pà-pà-pà-pà! Sentette ‘a ritirata.
Sciurillo ‘e primmavera, te saluto.
Dimane stongo ‘n’ata vota ccà.

‘Na sera finalmente ‘ncopp’ ô core
I’ mme strignette chillo bello sciore
E ‘nParaviso stette fino a quanno
Nun me dicette: “Guarda! C’è mammà!
Di te le ho già parlato, non tremare!
Ti viene a dire che mi puoi sposare”.

Ma che sfurtuna, doppo ‘nu minuto
Pà-pà-pà-pà! Sentette ‘a ritirata.
Sciurillo bello, stongo dispiaciuto,
Aggio ‘a scappà. Salutame a mammà!

Salutame a mammà!