Rosi’, tu sei l’ammor!

  •     ROSI’ TU SEI L’AMOR (De Mura – Albano 1958)

Tu vuò na bella lettera
pecchè le ‘a fa vedè,
quann’e cumpagne spiano,
si voglio ‘bbene a te.
Ma sti parole ‘e zucchero
co ffuoco ‘e giuventù,
‘i nun te ssaccio scrivere
comme vulisse tu.
Ritornello:
E perdo ‘o tiempo e perdo ‘ll’ore sane
po’desiderio e e vedè felice
ma si te scrivo ‘a mo’ fin’a dimane
sultanto ‘e stesse frase sacciodì:
” Rosì, Rosì, io t’ame!
Ti tengo dentro al cuoro,
nel cuoro che ti brame,
Rosì tu sei l’amor!”.

Si te putesse esprimere
che tengo dinto ‘ccà,
quanta migliare ‘e lettere
te putarria mannà…
e tu m’avissa dicere.
“basta pe mo’ Genna’!
‘I nun ce ‘a faccio ‘a leggere,
che me vuò fa stancà?!”.
E perdo ‘o tiempo e perdo ‘ll’ore sane
po’desiderio e e vedè felice
ma si te scrivo ‘a mo’ fin’a dimane
sultanto ‘e stesse frase sacciodì:
” Rosì, Rosì, io t’ame!
Ti tengo dentro al cuoro,
nel cuoro che ti brame,
Rosì tu sei l’amor!”.