Serenata malandrina

Dal giorno che mi sono innamorato
‘e na brunetta e vascio ‘a Sanità,
m’hanno detto ch’è figlia ‘e “titolato”
famiglia ‘e guappe, tutta nobiltà.
Io che so’ Barone overo
m’aggio afforza rassignà,
pe’ ‘st’ammore mio sincero
cagno tipo ‘e nobiltà!
Ritornello:
Cu sta bella serenata
faccio ‘o guappo e ‘o malandrino,
sceto a chi me vò vicino
pe’ nun farla cchiù durmì!
Nun chiudite ‘a persiana,
padre guappo e “titolato”,
canta chi mò s’è cagnato
e nun parla cchiù scì-scì!
Ma che bella serenata…
a nu pate cammurista,
a na mamma zè-maesta,
ca me vonno capintesta
d’ ‘a Sanità!…
Serenata, serenata,
mò che songo malandrino
tutt’è ffemmene, è destino,
vonno a me, vonno a me…
ca d’ ‘e guappe songo ‘o rre?!

Dal giorno che mi sono trasformato
tutt’ ‘e pariente della nobiltà
m’anno detto: “Tu sei diseredato,
na figlia ‘e guappo non la puoi sposar!”
Mò ce vò, l’ammore vero
nun m’ ‘o ponno fa lassà!
Chistu core ch’è sincero
lassa solde e nobiltà! 
Ritornello:
Cu sta bella serenata ecc..ecc…
Finalino:
Serenata!… Serenata!…