T’aspetto a maggio

‘Nfosa ‘e rugiada chesti viole
pare che chiagnene ‘nzieme cu’ me
che notte che notte che maggio malinconico
ammore mio che bene che t’aggio vuluto
e mo’ ca’ luntano me staje cchiù bene te voglio
tu m’he lassate quanno ‘e rrose sò schiuppate
quanno tutto torna a nascere tu m’he lassate
tu m’he lassate na’ dummeneca ‘e maggio
ammore mio t’aspetto a maggio.
Aria celeste d”e ‘nnammurate
dimme ‘sta rondine sì torna cchiù
l’aspetto l’aspetto e cchiù me vene ‘a chiagnere
tu m’he lassate quanno ‘e rrose sò schiuppate
quanno tutto torna a nascere tu m’he lassate
tu m’he lassate na’ dummeneca ‘e maggio
ammore mio t’aspetto a maggio.