Mparame a vule’ bene

Fronne cadute, lettere stracciate
‘Stu core mio ca pace nun si dà
‘E o chianto solitario ‘e nu pianino
Ca si addormuto int’all’oscurità
‘Mparame a vulè bene comme sai tu
‘Mparame a vulè bene comme vuò tu
Damme ‘na mano e portame
No, nun me lassà pa via
Ca i’ perdo a vita mia
Si perdo a te
Dimme, dimme come si chiagne senza suffrì
Dimme, dimme come se soffre senza murì, senza murì
Forse sulu accussì, no, nun me fai male cchiù
‘Mparame a vulè bene comme vuò tu
‘Mparame a vulè bene e dimme…
Dimme come si chiagne senza suffrì
Dimme, dimme come se soffre senza murì, senza murì
Forse sulu accussì, no, nun me fai male cchiù
‘Mparame, ‘mparame a vulè bene comme vuò tu
‘Mparame a vulè bene comme vuò tu