Tanno e mo

Io te guardo e dico è essa
e si, si proprio tu
ma ‘a passione nun è a stessa
nun me sente niente cchiu’!
Si te guardo quacche vota,
bella mia nun me nuta’
tanto ‘a capa nun m’avota
comme a sei sette anne fa,
E si ‘a stessa e tutte e vase
songo ‘o stesso e tutte ‘e pene
simme e stesse? E chillu bene
pecchè è muorto mo ssaje di’?
‘a distanza , ‘a luntananza
nat’ammore, ‘o vero ammore
m’ha sanato chistu core
oi Caruli’!
Me priaste sotto o muro
mano e mano inte all’esta’,
vase mmoca inte ‘o scuro
tutt’e duie senza fiata’!
Varchiate sotto ‘e stelle
nce straquavame e vuca’
scumparevano ‘ manelle
po’ turnavano a spuntà.
Simme ‘e stesse tale e quale
e pecchè mo’ nce guardamme?
Comme a estrenei e si parlammo
nun tenimme che ‘nce di’.
E nun è ca nun me passa
tutta quanta int’e ricordi
certi cose io nun me scordo
oi Caruli’.
Tu si stata ‘na bucia
te credevo verità
tutta ‘a vita, bella mia,
nun putevame sunna’!
Tu si chella, ‘a stessa e tanno
e pur’io li stesso so’
ma c’abbisso, sto pensanno,
che distanza a tanno a mo’!
Vi’ che miececo che è ‘o tiempo
mo’ stu fatto è scumparuto
grazie a Dio, tutto è fernuto
finalmente ‘o pozzo di’!
D’e ricorde e d’o passato,
n’aggio fatto ‘na canzone
oi Caruli’!