‘E llampare

  •     ‘E LLAMPARE (A. Gargiulo – G. Spagnolo 1955)

Che silenzio miez”o mare
mo che ‘o tramonto s’he addurmuto a mare
chesta è ll’ora ‘e ll’ammore
l’ora eterna d”o core
già sfilano già splenneno ‘e lampare
lampare vuie ca’ spannite tanta luce ‘a ‘mmare
stanotte vacite scure scure ‘o core mio
me ricurdate chella vocca amata
che fredda e amara me dicette addio
luceane ‘e lampare e chella vocca me dicette addio.
Mo che ‘o cielo è chino ‘e stelle
veco chill’uocchie belle mieze ‘e stelle
ma che smania ‘int”o core
mo ca’ cadeno a mare stì lacreme
e chiagnene ‘e lampare
me ricurdate chella vocca amata
che fredda e amara me dicette addio
luceane ‘e lampare e chella vocca me dicette addio.
Ammore ammore mio me diciste addio.