‘E perle d’ ‘a Madonna

S’hanno arrubbate ‘e perle
d”a madonna d”a Pietà
chi l”ha pututa fà
‘sta brutta ‘nfamità
chist”è ‘nu sacrilegio
chi l’ha fatto adda pavà
Dio l’hadda castigà, zitta mammà.
Tu te l”he pigliate tu,
te l”he arrubbate tu
‘e perle d”a madonna,
ma commӏ stato
commӏ pututo,
io buono e onesto
t’aggio crisciuto
figlio mio bello
chi t”ha perduto
te l”he pigliate tu
cu’ chest’i ‘mmane tu.
SIgnore magistrato cunsentiteme ‘e parlà
vuje cu’ severità l’avite giudicà
io stessa che sò ‘a mamma
nun ‘o pozzo perdonà
però credite ‘a me
‘nfame nun è
no, a colpa soia nun è
sultanto ‘a soia nun è
‘a colpa è de’ ‘stà guerra
che è figlie nuoste ce l’ha cagniate
o core ‘a pietto ce l’ha scippato
sì pure ‘e Dio se sò scurdate
l’avite cundannà ma avite avè pietà.
Diece anne, e quanta mamme
sventurate comme ‘a me
te venono a pregà
madonna d”a Pietà
stì figlie malamente
t’he mettimme ‘mbraccie a te
tu sola ‘e può aiutà
‘e può salvà
tu sì mamma pure tu
e tu ‘e capisce tu
stì mamme addulurate
e quanta lacreme hanno chiagniute
sò tutte perle che t’hanno date
maie ‘na cullana chiù ricca è avuta
ma ce l’he ‘a salvà tu
stì figlie nuoste tu
madonna d”a Pietà.