‘A ciaciona

  •     ‘A CIACIONA (Giuseppe e Luigi Cioffi 1957)

Addò è chiù bella Napule
sta è casa ‘na guagliona
ca fa ascì pazz all’uommene
‘a chiammano ‘a ciaciona
è ‘na petrella ‘e zucchero
proprio ‘na rarità
è n’angelo d”o cielo
è scesa ccà.
Quanno passa ‘sta ciaciona
miezzo ‘a strada che ammuina
s’arrevota Margellina
porta appriesso ‘nu plotone
viecchie giuvane ‘e guagliune
ca suspirano accussì:
ciaciona mia ciaciona bella
fammella fa ‘na ciaciatella
io che sò ‘nu sciampagnone
tutto core e largo ‘e mane
quanno veco ‘a ‘sta ciaciona
me vulesse ciacià.
Chella te ferma ‘o traffico
blocca ‘a circolazione
e tutte quante alluccano
evviva la ciaciona
sì pass pa’ Caracciolo
‘o mare ‘e ‘sta città
s’affaccia ‘a copp’ ‘e scoglie pà guarda.
Ah ciaciona mia ciaciona bella
mhe fammella fa ‘na ciaciatella
io che sò ‘nu sciampagnone
tutto core e largo ‘e mane
quanno veco ‘a ‘sta ciaciona
me vulesse ciacià.