Lettera A

Alleria

Nuie simme nate
cu ddoie cammise
chi campe a napule
sta mparavise
e nuie ca faccia doce
e amare mpiette
cantamme sta canzzone
pe dispiette
co triccabballacche
co scetavaiasse
ca caccavella
e o buti bu’
co ciele e co mare
e ca fantasia
chiste e’o paese dell’alleria
alleria alleria alleria
padro’tenite e ciure dint’o ciardine
scusate se dal vostro panorama
verite e panne appise
na pezze e na cammisa
na tuta e na suttana
alleria alleria alleria
vuie ca rummite astritte cu maria

scusate ma che v’arrattate affa’
si tene l’uocchie chiuse
vo dicere c’o core
vole addo primme ammore
e nuie ca faccia doce e amare mpiette
cantamme sta canzone pe dispiette
co triccabballacche
co scetavaiasse
ca caccavella
e o budi bu’
co ciele e co mare e ca fantasia
chiste e o paese de l’alleria
alleria alleria alleria
padro’ me prutestate na cambiale
e ie tenghe sole a chitarre pa pava’
che va pigliate affa’
si nun tenite core
nun site sunatore
alleria alleria alleria
e miracule e fanne sule e sante
no nunn’e’overe e sacce fa pur’ie
so ghiuorne ca nun magne
e so cuntente e cante
embe’ pur’ie so sante
alleria alleria alleria
la la la la la la la la la la
so ghiuorne ca nun magne
e so cuntente e’cante
embe’ pur’ie so sante
alleri alleria alleria

‘A dieta

Addio puparuolo ‘mbuttito
addio purpetiello affugato
‘sta dieta c’ha ‘nguaiato ‘na vita
sentite che c’avimma mangià:
grissini co’ the due o tre consumè
pompelmo e caffè
ma per l’amore della mia bella
‘na pupatella che è ‘nu ciuciù
ho rotto i ponti ‘ca sfugliatella
me so’ scurdato de’ ziti co’ ragù
e che cosa che me so scurdato
di che: i fagioli con la pasta
e cicere pe’ tagliarelle
le melenzane alla parmigiana
e quanno ‘e veco n’ata vota quanno.
Teresa tutt”e juorne me pesa
Costanza mi misura la panza
Pinuccia mi verifica in faccia
la ciccia quanti grammi calò
e ‘o lunnerì senza mangià vaco a durmì
ma per l’amore della mia bella
‘na pupatella che è ‘nu ciuciù
ho rotto i ponti ‘ca sfugliatella
me so’ scurdato de’ ziti co’ ragù
avete visto quanti sacrifici si fanno per l’amore
come disse Giulio Cesare chi bello vo parè
pene e guaie addà patè e io patisco
che aggia fa eh però c’è un però
adesso ho raggiunto il successo
indosso senza un filo di grasso
guardate sò ‘nu quadro ‘e Picasso
ma adesso so le lotte così
Lulù Mimì Mimì Sasà
ma per l’amore della mia bella
‘na pupatella che è ‘nu ciuciù
ho rotto i ponti ‘ca sfugliatella
me so’ scurdato de’ ziti co’ ragù
ma ‘a famma è famma perciò ho deciso
alle mie belle nun penso chiù
me mangio sette otto palle ‘e riso
e me ‘mbruscino pa’ faccia int”o ragù
me mangio sette otto palle ‘e riso
e me ‘mbruscino pa’ faccia int”o ragù
senza mangià nun pozzo stà voglio ‘ngrassà


‘A nave

Ammore ammore te voglio bene
ma tu nun pienze che tengo ‘o core
ammore ammore te voglio bene
ma me ne vaco luntano ‘a te.
‘E strade ‘e stu quartiere
pe’ me nun sò chiù amiche
‘a quando chisto ammore
ma ‘ncatenato a te
si passa ancora ‘o tiempo
io ‘mpazzisco appriesso a te.
Ammore ammore te voglio bene
ma tu nun pienze che tengo ‘o core
ammore ammore te voglio bene
ma me ne vaco luntano ‘a te.
Io piglio ‘a nave, stasera piglio ‘a nave
e dico no a ‘st’ammore
che allucca ca pe te
nun trovo pace
pe’ te nun trovo pace
‘stu core mio s’abbruce
nun ce sta niente ‘a fa
sì piglio ‘a nave
stasera piglio ‘a nave
e lascio ‘stu paese
pecchè voglio campà.
Ammore ammore te voglio bene
ma tu nun pienze che tengo ‘o core
ammore ammore te voglio bene
ma me ne vaco luntano ‘a te.
Me dive appuntamento
dicive pure ll’ora
‘na vota ce venive
e ciento vote no
si passa ancora ‘o tiempo
io ‘mpazzisco appriesso a te.
Ammore ammore te voglio bene
ma tu nun pienze che tengo ‘o core
ammore ammore te voglio bene
ma me ne vaco luntano ‘a te.
Io piglio ‘a nave, stasera piglio ‘a nave
e dico no a ‘st’ammore
ca nun me fa durmì
nun trovo pace
pe’ te nun trovo pace
‘stu core mio s’abbruce
nun ce sta niente ‘a fa
io piglio ‘a nave
stasera piglio ‘a nave
e lascio ‘stu paese
pecchè voglio campà.
Ammore ammore te voglio bene
ma tu nun pienze che tengo ‘o core
ammore ammore te voglio bene
ma me ne vaco luntano ‘a te.

‘A madonna d’ ‘e rose

M’aggia sunnata a madonna de rose
a madonna de rrose
ca me diceva tu e vi’ quanta spine
so’ tutte pe’ tte
si nunna lasse
sta scritto ‘e destino
ca sarranno pe tte
e sarranno pe mme’…..
ah….ma che mistero e’ ‘o core
nu core ca vo’ bene che pazzia
e comme uno ca’ more
ha po’ tene’ maje cara a malatia
e si nu santo scennesse a cielo
pe’ sanarme sta malatia
chesta freva ca tenghe ‘e te
jo le dicesse….no
nun m’ha voglio sana’
nun m’ha’ voglio scurda’
jo pe nun credere ca me vuo’ bene
ca tu me vuo’ bene
‘nganno a me stesso
cu ciente buscie
cu ciente pecche’
‘e a verita’
ca nun si’ cchiu’ dda mia
nunna voglio sape’
nunna voglio sape’
e’ comme uno ca more
ha po’ tene’ maie cara a malatia
e si nu santo scennesse a cielo
pe’ sanarme sta malatia
chesta freva ca tengo ‘ e te
io le dicesse….no
nun m’ha voglio sana’
nun m’ha voglio scurda’.
 

Abbracciame

Stanotte ‘nu suonno birbante m”a fatto scetà
m”a fatto scetà
tu stive abbracciata cu’ n’ato m’he fatte tremmà
m’he fatte tremmà
ammore ammore mio pecchè ‘sta gelusia
nemmeno ‘nzuonno me vò fa campà
abbracciame abbracciame
forte cchiù forte ancora ‘mpietto a te
astrigneme e vasame
dimme ca’ tu vuò bene sulo a me
fa che ‘o cchiù doce de suonne
stanotte me sonno abbracciato cu’ te
abbracciato cu’ te.
Scetato pe’ tutto ‘na vita vulesse restà
vulesse restà
sì ancora ‘stu suonne birbante m’avessa sunnà
m’avessa sunnà
ammore ammore mio sarrà ‘na malatia
je notte ‘e ghiuorno penzo sempe a te
abbracciame abbracciame
forte cchiù forte ancora ‘mpietto a te
astrigneme e vasame
dimme ca’ tu vuò bene sulo a me
fa che ‘o cchiù doce de suonne
stanotte me sonno abbracciato cu’ te
abbracciato cu’ te
fa che ‘o cchiù doce de suonne
stanotte me sonno abbracciato cu’ te

Ammore ‘e Napule

Quanta coppie ‘e ‘nnammurate dint”a l’està
sagliene e scenneno a coppe Pusilleco
è nu spettacolo ca fa parè cchiù bella ‘sta città
‘sta giuventù ca se tene pa’ mano tra cielo e mare
dicite tutto chello ca vulite io so’ sentimentale
nun me ne ‘mporta ‘e chello ca’ penzate
io voglio bene Napule cchiù da vita mia
è bella sempe bella tutt”a gente ‘e ‘stu paese
canta e suspira è overo però
pure ‘o scugnizzo cumbatte e ‘mmore
cumbatte e ‘mmore e chiagne ride
e Napule comme se pò scurdà
è bella sempe bella tutt”a gente ‘e ‘stu paese
canta e suspira è overo però
pure ‘o scugnizzo cumbatte e ‘mmore
cumbatte e ‘mmore e chiagne ride
e Napule comme se pò scurdà
dicite tutto chello ca vulite
è sempe ammore ‘e Napule.



Allegretto ma non troppo

Oje luna, luna, lù…
Io stò allegretto ma… non troppo!
Ma ched’è? Ma che vuò, che vuò dì?
Pecché me guarde?…
Me faje luce, cammine cu mme
E m’accumpagne.
Forse perché ho bevuto un po’ di whisky
E mò nun saccio ‘a strada, c’aggi’ ‘a fà!
Nun saccio ‘a strada.
Ma nun ti scomodà, signora luna,
E po’, giacché la mia ragazza è in festa,
Và te divierte, spassate pure tu!
Che io da stasera, in segno di protesta,
Mme scordo ‘o cielo!
Nun tengo cielo!
Io ll’uocchie ‘ncielo nun ll’aizo cchiù!
Lassame sulo, spassate pure tu!
Che io pe’ ‘stu fatto, in segno di protesta,
Mme scordo ‘o cielo!
Nun tengo cielo!
Io ll’uocchie ‘ncielo nun ll’aizo cchiù!
Oje luna, luna, lù…
Nun stò allegretto cchiù!
Io chiagno…

‘A canzona

Chi è furastiere nun se fa capace
è Napule, è ‘o paese de’ canzone
nun ce vò niente, è facile a spiegà
comme nasce ‘a canzone ‘a stà città.
Quanno nun saccio ch’ ‘aggia fa
vaco passianno pa’ città
e mett’ ‘o core in libertà
pe guardà ‘a gente, ‘o cielo e ‘o mare,
e st’aria doce ca ce stà
tutt’ ‘e pensiere fa scurdà,
t’abbasta Napule ‘e guardà
e ‘na canzone nasce lla pe’ llà.
Pusilleco e ‘o Vommero e Santa Lucia
‘na bella guagliona ca sape vasà
‘na voce ‘na risa, ‘nu vascio ‘na via
sò cose che sanno stu core scetà.
Quann’ ‘a parole può truvà,
te miette subbito a cantà
e ‘o mare ‘a musica te dà
pirciò ‘a canzone ‘a scrive ‘sta città.
Quann’ ‘a parole può truvà,
te miette subbito a cantà
e ‘o mare ‘a musica te dà
pirciò ‘a canzone ‘a scrive ‘sta città.