‘A casa ‘e donn’Amalia

Donn’Amà,
Quann’i’ ‘mmocco ‘sta via,
Quanno guardo ‘sta bella fenesta
Addò vuje nce tenite ‘na testa
Cu ‘na rosa, i’ mme sento murì!

Ma si è bella ‘a fenesta, cchiù bella
Sarrà ‘a casa, donn’Amà, ca tenite
E ogne vota ca passo, credite,
Tengo ‘a smania ‘e vulerme ‘mpezzà!

“Don Gennà, mi scuserete?”
“Non è cosa per la quale!”
“Donn’Amà, si permettete,
I’ ve voglio visità”.

“Troppo onore, ma ‘o ssapite:
I’ sò vedova ‘a tre anne
E da allora, me capite,
Maje nisciuno faccio entrà!”

” ‘A tre anne?” “Certamente!”
“Maje nisciuno?” “Maje nisciuno!”
“Chest’è forte overamente!
Nun ‘o crero, donn’Amà!”

Pe’ tre mise ogne ghiuorno passavo
Donn’Amalia ‘nzerrata se steva,
I’ sperevo, sperevo, sperevo
E donn’Amalia ‘ncucciava a dì No!

Ma ‘na sera ca steva affacciata
I’ dicette: “Donn’Amà, me credite,
I’ mò moro! Don Gennà, che dicite?
Donn’Amà, me dicite ca Sì!”

Si nce vede quacheduno
Manco ‘e sierpe song’ asciute.
“Chi sta llà?” “Nun è nisciuno!
E ‘mmuccateve, don Gennà!”

Comm’è scuro! “Sò trasuto?”
“Sì trasuto”. Nun me pare.
Mamma mia, mme sò sperduto!
“E addò stongo, donn’Amà?”

“Tu mò staje dint’ô salone”.
Chist’è ‘o llario ô Mercatiello!
Ccà se corre c’ ‘o spadone!
“Bonasera, donn’Amà!”

‘Na matina donn’Amalia assummaje:
“Che cos’è? Che cos’è t’hê scurdato?”
“Pe’ sapè, piccerì, chella strata
Né pecché te faje caro a vedè.

Aggio ‘a casa mo’ mo’ sceriate:
È ‘nu specchio, ‘nu vero brillante.
Pare proprio ‘na casa ‘e rignante,
Viene e vire ch’è fatta pe’ tte!

Che rispunne?” “Me scusate!”
“Comme, comme!” “Si nun vengo…”
“Nun sò avvezzo”. “Perdonate!
Llà nun saccio ch’aggi’ ‘a fà!”

“Bella mia,
I’ mme sò fatto una sola cammarella”.
“Chella casa sarrà bella
Ma pe’ mme, pe’ mme nun va!

È ‘abitudine, capite,
C’è chi veve ‘nfaccia ô cato”.
“I’ mme songo abituato c’ ‘o bicchiere.
Bonasera, donn’Amà!”