Acquarello napoletano

Mia Napoli, descriverti non sò,
permettimi, dipingere ti vò.
Uè, uè, s’indora l’aria di limoni,
strimpella a ogni angolo un pianino,
di fichi d’India e di melloni
san le bocche chieste e date per amore.
Uè, uè, fantasma bianco, Pulcinella
mosseggia e passa tra la folla,
la statua d’una Lucianella
bronzo pare nella luce del gran sol.
Settimana di sette feste,
questa è Napoli, punto e basta!
Passa il guappo con le maestre,
s’alza il grido dell’acquaiuol.
Ogni vicolo è un San Carlino
scene comiche e battimani,
lo scugnizzo fà il ballerino
sul fischiare del pizzaiuol.
Uè, uè, Madonna Notte ci convita,
venite o musici o poeti,
da questa tavola imbandita
brinderemo all’incantesimo lunar.
Mia Napoli, dipingerti non sò,
la musica cantare, sol chi può.
Te faccio bevere o brodo
de purpe verace chine ‘e pepe.