Aniello ‘e fede

‘O sposo ha ditto c’haggia fa ‘o cumpare
e quanne l’ha ditt”isso l’haggia fa
io mo ‘nce vo ne tengo amice care
ma ‘e tutte quante ‘o meglio è chistu cca
e po’ se sposa ‘a bella do’ quartiere
sì m’ha ‘nvitate m’hadda fa piacere
e già ca m’accurdate tanto onore
voglio fa ‘e ccose comme s’hanna fa
n’aniello l’haggia fa tante ‘e valore
ca tutt”o vicinato adda parlà.
‘A sposa è pronta è pronto pure aniello
comme ve pare? m”ata perdunà
è stato fatto apposta nun è bello
ma l’intenzione mia certo ce sta
c’avite ditto nun è chesta ‘a data?
So ‘e vinte ‘e Maggio e dinto ca è sbagliato
nun ce badate è ‘nu capriccio mio
vinte ‘e Nuvembre me fa arricurdà
una che me vasava pe’ gulio
e me giurava eterna fedeltà.
che addore arancia guarda propt io
‘ncoppe all’altare t’aggia accumpagnà
ma pecchè triemme sott”o ‘vraccie mio
te vene a mente ‘o fatte ‘e n’anno fa
vinte ‘e nuvembre comme dice aniello
te l’aggia arricurdà cu’ ‘stu curtiello
tu spuse e io ‘mponte ‘o musse tengo ‘o fele
ma sì patisco chiagne pure tu
zì parrucchià stutate ‘sti cannele
pecchè stasera nun se sposa cchiù