Attenti alle donne

  •     ATTENTI ALLE DONNE (A. Gill)


Quanno na femmena mme vene a dicere:
          “T’aggi”a lassá, nun pò durá st’ammore…è inutile!”
          Io só’ filosofo, mme metto a ridere:
          ‘o ssaccio giá ca nun ‘o ffa manco si ‘accidono…
          ché la donna, con baci e promesse,
          fa ogni cosa nel proprio interesse.
 
          ‘E ffemmene, si chiagnono ce vonno arravugliá,
          e quanno ce disprezzano, ce vonno cchiù attaccá…
          Quanto só’ scieme ll’uommene ca nun sanno capí:
          si dice “No” na femmena, allora ha ditto “Sí”!
 
 
          Segui una donna piuttosto eccentrica?!
          La senti dir: “La vuol finir di far lo stupido?”
          “Qui c’è un equivoco! Só’ n’ommo serio:
          le voglio offrir un posticin nella mia macchina…”
          Sente ‘a “machina” e più non ragiona…
          la ragazza con te si abbandona!
 
          Po’ se ne vène ô cinema, po’ vène a strafucá…
          e doppo, tutta languida, se lascia accompagná.
          Giunta alla casa, alle undici, confida alla mammá:
          “Mammá, ho trovato un “chiòchiaro” cchiù chiòchiaro ‘e papá…
 
 
          Se l’uomo è timido, piuttosto ingenuo,
          la donna sa comm’ha da fá p”o puté cogliere….
          Tuccá è difficile, baciá è impossibile…
          “Vieni a parlá con la mammá e si puó concludere…
          Ci ho la casa, il corredo e lo zio,
          ca, si more, ogni cosa è d”o mmio…”
 
          E il povero Saverio, quand’è salito su,
          corredo, casa, láscito…nun trova niente cchiù!
          E restano a suo carico la moglie e la mammá…
          e tre fratelli piccoli ch’isso ha da dá a magná…
 
          Finale:
 
          E cheste sóngo ‘e ffemmene, c’è poco ‘a pazziá!
          T’avotano, te girano,..te sanno ‘mpapucchiá!
          Io do un consiglio ai giovani quanno s’hann’ammogliá:
          “Ccá nce sta tutt”a perdere e niente ‘a guadagná!…”