Fenesta ‘ntussecosa

Arape, oje nè, ‘na senga ‘e ‘sta fenesta!
Comme sì ‘nfama tu, comme sì triste!
Te vonno tutt’ ‘e stelle fà ‘na festa.
‘Na senga finalmente che te costa!
E si te costa assaje, nun dubitare,
‘O core mio è ricco, pò pavare!

Rusì, si tiene ‘o core,
Certo nun può durmì!
Addò trasette ammore,
Odio nun pò trasì!
Fenesta ‘ntussecosa,
Quanto me faje suffrì!

Oje Rò, ‘ncopp’a ‘na preta stò assettato,
‘Sta preta e ‘o core tujo è ‘a stessa cosa!
Pe’ te vedè ‘nu poco stò ghiettato
Ccà sotto a ‘sta fenesta ‘ntussecosa.
Te fa vedè ll’ammore ccose nove,
Io cchiù nun sento si fa friddo o chiove!

Rusì, si tiene ‘o core,
Certo nun può durmì!
Addò trasette ammore,
Odio nun pò trasì!
Fenesta ‘ntussecosa,
Quanto me faje suffrì!

‘O suonno mò co ‘ammore vò pazziare
Ma perdere nun pò, nun pò ll’ammore!
V’ ‘o ppozzo io sulamente assicurare,
Sul’io ca veglio e soffro ‘ntutte ll’ore!
Ammore è fforte e chesto va facenno,
‘A notte, fenestelle va arapenno!

Rusì, si tiene ‘o core,
Certo nun può durmì!
Addò trasette ammore,
Odio nun pò trasì!
Fenesta ‘ntussecosa,
Quanto me faje suffrì!