In vino veritas

Buonasera a chi mi ascolta
Non crediate che io sia ubriaco
Sono allegro, ma non troppo
Io bevo per scordare
Infatti, quando bevo un po’ di vino
Scordo ‘a chitara e scordo ‘o mandolino
Me scordo pure che debbo pagare il mio padrone di casa
Eh eh… ch’aggia fa’
Che risate mi son fatto nel panciotto ah ah ah
Ah ah ah
In vino veritas
E canta che ti pass
Fiore di cioccolato
Il ricovero più blindato, mia Ninetta, l’ho già trovato
È il tuo cuore, e lo sai perché?
L’ingegnere che l’ha collaudato m’ha detto
Che tu tieni il cuore di cemento armato
E in vino veritas
E canta che ti pass
Io bevo per dormire
Però chi dorme, e questo mi rincresce, non pecca
Ma però non piglia pesce!
Mia moglie o dorme o veglia, come va
Se pesca, pesca pesci in quantità
Che risate mi son fatto nelle scarpe ah ah ah
Ah ah ah
In vino veritas
E canta che ti pass
Fiore di iposolfito
Qua ognuno vuole un partito
Chi vo’ addito, chi vo’ addito
Voglio a quello e non voglio a te!
Noi c’abbiamo un sol partito
Il partito dell’appetito
In vino veritas
E canta che ti pass
Io bevo per cantare
E canto sempre un suono originale perché la voce mia è fenomenale
Fenomenale? Ma che è, una novità?
Uno lo tiene e un altro non ce l’ha!
Che risate mi son fatto nei calzoni ah ah ah
Ah ah ah
In vino veritas
E canta che ti pass
Fiore di fagiolino
La mia moglie tiene un bambino che è il ritratto di mio cugino
Non somiglia per niente a me
Vuoi vedere che mio cugino m’ha fatto priore di San Martino?
In vino veritas
E canta che ti pass

E io canto
Canto e bevo
Me la piglio allegramente perché la vita è un passaggio
Buonasera a tutti e buonanottata