Sott’ ‘a ‘sta murata

Songo venuto sotto a ‘sta murata
Songo venuto cu’ ‘nu gruosso sdegno
Ferma rilorgio mio cchiù nun sunare
Ferma pe’ carità, ferma pe n’ora, n’ora sola

E sona, e sona, e ba’ là Diana della sorte
E sona, e sunarrà, e sunarrà la morte
Si more ‘a ‘sta città la bella libertà
Nu resta, e restarrà sulo ‘nu pianto amaro

Stammo cantanno dalla Vicaria
Già cundannate ciento e cchiù ‘nuciente
Lu sango muorto scrive la buscia
De la giustizia de li cchiù putiente, occhiù putiente

E sona, e sona, e ba’ la Diana della sorte
E sona, e sona e ba e sunarrà la morte
Si more a sta città, la bella libertà
Nu resta, e restarrà sulo ‘nu pianto amaro