‘A prutesta

  •     ‘A PRUTESTA (Moxedano – Sorrentino 1967)

E frate mje sò addivintate beat
parola mia sì perdo ‘a capa ‘e vatte
se sturciano sti quatte deficienti
chi cu’ ‘a barbetta e chi cu’ a chioma bionda
povera a me povera a me
‘na prutesta voglio fa pe chisti frate beat
nun me fire de guardà pecchè sò troppo brutte
nun è pozzo suppurtà mò è caccio fora ‘a porta
e nun è faccio entrà me metto a protestà
tagliateve ‘e capille faciteve ‘o mellone
cantateve ‘e canzone ca sulo stu cielo stu mare pò dà
tagliateve ‘e capille jettate stì chitarre
pigliate ‘o mandulino ca Napule canta sultanto accussì.
Pe dinto ‘a casa chisti mammalucchi
se movono sultanto a tiempo e scheck
cunzumano tra radio e giradischi
ogni duje mise mille chilovatt
povera a me povera a me
‘na prutesta voglio fa pe chisti frate beat
nun me fire de guardà pecchè sò troppo brutte
nun è pozzo suppurtà mò è caccio fora ‘a porta
e nun è faccio entrà me metto a protestà
tagliateve ‘e capille faciteve ‘o mellone
cantateve ‘e canzone ca sulo stu cielo stu mare pò dà
tagliateve ‘e capille jettate stì chitarre
pigliate ‘o mandulino ca Napule canta sultanto accussì
tagliateve ‘e capille faciteve ‘o mellone
jettate stì chitarre cantate ‘sta canzone
tagliateve ‘e capille faciteve ‘o mellone
jettate stì chitarre cantate ‘sta canzone