‘A quaterna

‘A quanno ero guaglione gioco al lotto,
trentuno, sette, cinque, quarantotto,
o saccio ca so nnato sfurtunato
però na vota a vita adda cagnà.
Ah si mm’esce sta quaterna
cose ‘e pazze, cose ‘e pazze
tutto ‘o munno addà cagnà
Ah, si mm’esce sta quaterna
tutt ‘e Sante ‘mprucessione
dinte ‘e varche aggià purtà,
San Gennaro annanze annanze
pure nuje ‘a reta ‘a reta
‘anna dicere ‘e giurnale
se ‘mpazzute sta città.
Aaah! si mm’esce sta quaterna
tutto ‘o munno addà parlà.
Nennella dice ca je me so fissato
c ‘o lotto manna ‘a gente ‘o manicomio,
io dico che la vince chi l’ha lunga.
pecchè ‘na vota ognuno addà cagnà.
Ah! si m’esce sta quaterna
cara Napule pe n’anno
tutte ‘e guaje ti ‘a scurdà
Ah! che brinnese speciale
‘a ‘nu pranzo generale
tuttu quante aggià purtà;
‘na muntagna ‘e vermecielle
vino russe e purpetielle
e n’ orchestra , ciente orchestre
pe cantà e pe ‘nce spassà
Ah! si m’esce sta quaterna
cose ‘e pazze avimma fa’.