‘A reggina d’ ‘e tarantelle

Tarantella fresca e bella
co lariulì co lariulà
‘nzieme cu tte voglio abballà.
Tu qua samba qua beguine
lasba e sbilù ma che vuò fà
che vuò sbira che vuò rasbà.
Cu stì nacchere e stì tamburrielle
mieze ‘a gente vulimme abballà
sotto a pergola ‘e sti lampiuncielle
ca cchiù bella te fanno parè
tarantella tarantella
cu stu fuoco ‘ca miette tu
balla ‘o sole a luna e ‘e stelle
tutto ‘o popolo appriesse a te
manco ‘o mare chiù calme se sta
‘o Vesuvio se mette a fumà
tutta Napule e botta se sceta
felice e cuntenta se mette a ballà.
Quanta e quanta furastiere
veneno ccà pe te vedè
vonno abballà ma che annà fa
chesta è rrobba brevettata
co’ lariulì co’ lariulà
nun c’è che ffa hanna sparì
stì capille che quanno te votta
‘nanze all’uocchie te vanno a cadè
stà faccella sti coscie sta vocca
songhe cosa da fa stravedè.
Tarantella tarantella
cu stu fuoco ‘ca miette tu
balla ‘o sole a luna e ‘e stelle
tutto ‘o popolo appriesse a te
manco ‘o mare chiù calme se sta
‘o Vesuvio se mette a fumà
tutta Napule e botta se sceta
felice e cuntenta se mette a ballà
st’uocchie te luceno già
lariulì lariulì lariulà
io mo abballo cu tutta a reggina
stanotte ‘a reggina cchiù bella sì tu