Festival di Napoli 1968

Ricordo ‘e maggio

Era ‘e maggio, verso ‘e quinnice d”o mese
‘a strada meza asciutta e meza ‘nfosa
‘nu cielo celeste e nuvoloso
e ‘n’aria quase ‘nfosa, era maggio
verso ‘e quinnece d”o mese.
‘Nu ventariello doce e preputente
smuveva ‘sti capille tutte quante
nervosa e allera redive comm”a che
e me pareva chistu viso tuoje
‘nu vole ‘e colombe bianche miezo ‘o cielo
celeste sotto ‘o sole io io te vasaie
‘na vota ‘n’ata vota ciente vote
appriesse appriesse senza me fermà
ma pò ‘mpruvvisamente dicette ma che faje
tu tiene ‘a faccia ‘nfosa e tu redenne
me diciste è niente sò gocce d’acqua
ca’ ‘o viente ‘a coppe ‘e fronne fa cadè.
Nun è maggio nun sò ‘e quinnece d”o mese
‘a strada è tutta asciutta nun è ‘nfosa
che cosa strana mò tu nun ce staje
e io tengo ‘a faccia ‘nfosa
nun è maggio nun sò ‘e quinnece d”o mese.

‘E carezze d’ ‘o munno

Addò stà addò stà cchiù
chi mane e mane me purtava ‘a scola
chi me vatteva e me vuleva bene
cca’ stanne ‘e mmane
ma tu nun ce staje cchiù
‘e carezze d”o munno
nun sò chelle ‘e ‘na mamma
te regalano ‘o cielo
ma s’arrobbano ‘o sole
ingenuamente a core ‘mmano
currevo appriesso ‘o munno
ma che currevo a ffà
pe’ me fa lusingà
sulo chi chiagne te da na lacrima
e nun t”ha dà nemmeno
sì nun te pò ‘ngannà
‘e carezze d”o munno
m’hanno illuso ‘na vita
‘e carezze ‘e st’ammore
m’hanno spezzato ‘o core senza pietà
ingenuamente a core ‘mmano
currevo appriesso ‘o munno
ma che currevo a ffà
pe’ me fa lusingà
sulo chi chiagne te da na lacrima
e nun t”ha dà nemmeno
sì nun te pò ‘ngannà
‘e carezze d”o munno
m’hanno illuso ‘na vita
‘e carezze ‘e st’ammore
m’hanno spezzato ‘o core senza pietà
Addò stà addò stà cchiù
chi mane e mane me purtava ‘a scola
chi me vatteva e me vuleva bene
cca’ stanne ‘e mmane
ma tu nun ce staje cchiù.