La pansè

  •     LA PANSE’ (Pisano – Rendine 1957)

Ogni giorno cambi un fiore
         e lo appunti in petto a te…
         Stamattina, sul tuo cuore,
         ci hai mettuto una pansé…
                  E perché ce l’hai mettuta?
                  se nun sbaglio l’ho capito…
                  Mi vuoi dire, o bella fata,
                  che tu pensi sempro a me…
 
         Ah!….
         Che bella pansé che tieni,
         che bella pansé che hai…
                        me la dai?
                                  me la dai?
                me la dai la tua pansé?
         Io ne tengo un’altra in petto
         e le unisco tutt’e due:
         Pansé mia e pansé tua…
         in ricordo del nostro amor!
 
                                                    II
         Questo sciore avvellotato,
         tanto caro io lo terrò…
         Quando si sará ammosciato,
         io me lo conserverò….
                  Ci ha tre petali, tesoro,
                  e ogneduno ci ha un pensiero…
                  sono petali a colori:
                  uno giallo e due marrò…
 
         Ah!…
         Che bella pansé che tieni…
         ……………………………………..
 
                                                  III
         Tu sei come una fraffalla
         che svolacchia intorno a me…
         Poi ti appuoi sulla mia spalla
         con il pietto e la pansé…
                  Io divento un mammalucco,
                  poi ti vaso sulla bocca
                  e mi sembra un tricchi-tracco
                  questo vaso che do a te!
 
         Ah!…
         che bella pansé che tieni…
         …………………………………….