Lettera L

La grotta azzurra

Jammo, nennella mia
Già la varchetta è pronta
‘Sto core è ‘n’alleria
Te dice: “Viene, vie’!
Te dice: “Viene, vie’!”
E dint’a grotta azzurra
Haje da venì co mme, co mme
E dint’a grotta azzurra
Haje da venì co mme
Vide, tra li ccampagne
Meta, Sorriento e Vico
De Massa li mmontagne
Sfilano ‘nnanz’ a te
Sfilano ‘nnanz’ a te
E dint’a grotta azzurra
T’abbracciarraje co mme, co mme
E dint’a grotta azzurra
T’abbracciarraje co mme
Mo ca te tengo a lato
‘Ncopp’a ‘sta varca mia
Pare ca mo sò nato
Lo cielo pe’ godè
Jammo a la grotta azzurra
Voglio morì co tte, co tte
Jammo a la…

La sorella di Sasà

Certe volte mi domando e dico
tutt’ a me m’ vann a capita
e successo a casa di un amico
cunusciutto na semana fa
na guagliona cu na vesta corta
nun apenna m’ arraputt a porta
m’ ricett vieni nel salotto
sono la sorella di Sasà
Chella figlia e benestante
tutta provocante
ci ci ah ah ci ci ah
se curcett ncopp o fatt
che mi avevvo attratto
ci ci ah ah ci ci
con la posa di un artista
per un intervista
ci ci ah ah ci ci ah
se mettevv ben in vista
pe me fa muri

E po po po po po po po
tutt o sangue rind a capp
se ne jett a ferni
e po po po po po po po
nun sapevv manc io
chell che c’avevva capi
Chella figlia e benestante
tutta provocante
ci ci ah ah ci ci ah
se curcett ncopp o fatt
che mi avevvo attratto
ci ci ah ah ci ci
poi con tanta indisponenza
disse “chi ti pensa?”
ci ci ah ah ci ci ah
tutta questa confidenza
chi t’ha fa piglia-
(Parlato) –
“E capitt o no?”
“La Sorella di Sas?”
“A fatt tutt coz ess”
“Nun c’aggio capitt proprio”
“E nun ve dico dopo”
L’altro giorno mi trovavo a mare
con la comitiva di Sas?
tutt ‘nzieme m’achiammatt a sore
e m’ha ritt “senti vieni qua”
con un aria tutta malandrina
m’ha purtatt rind a na cabina
dove al l’umbra c’era la mammina
me vulevva presenta
Chella figlia e benestante
tutta provocante
ci ci ah ah ci ci ah
se curcett ncopp o fatt
che mi avevvo attratto
ci ci ah ah ci ci
con la posa di un artista
per un intervista
ci ci ah ah ci ci ah
se mettevv ben in vista
pe me fa muri

E po po po po po po po
tutt o sangue rind a capp
se ne jett a ferni
e po po po po po po po
nun sapevv manc io
chell che c’avevva capi

Chella figlia e benestante
tutta provocante
ci ci ah ah ci ci ah
se curcett ncopp o fatt
che mi avevvo attratto
ci ci ah ah ci ci
poi con tanta indisponenza
disse “chi ti pensa?”
ci ci ah ah ci ci ah
tutta questa confidenza
chi t’ha fa piglia
oi con tanta indisponenza
disse “chi ti pensa?”
ci ci ah ah ci ci ah
fa cosi con tutt quante
pe modernita
– (parlato) –
“ragazzi, io vi voglio di
sultanto una cosa
che se incontrate
la sorella di sasa’
statteva accorta
che chella ve fa fessa
acchiappatt e pal”