Festival di Napoli 1969

‘O spogliarello

Lo spogliarello è un numero di grande attualità
si addice al sesso debole ma l’ommo che adda fa
eppure esiste il martire che ‘o fa senza vulè
e desse pure l’anema pe’ fa cuntenta a te
‘o martire songh”i Maria Marì Maria Marì
me spoglio sì pe’ te comme ‘na diva e cabaret
nun gioco in borsa più perchè la borsa è scesa giù
‘o liquido po’ solido te l’he pigliato tu
‘a casa co’ cavallo ‘o parco co’ castello
la ditta di Rapallo l’industria di caucciù
ma dimme che vuò chiù ma dimme che vuò chiù.
Accumminciaie ‘nu sabato la mia calamità
pecchè ce steva ‘o sciopero de’ mezze da’ città
passavo con la macchina e pe’ te fa notà
alzasti il dito pollice per farti accompagnà
‘o martire songh”i Maria Marì Maria Marì
me spoglio sì pe’ te comme ‘na diva e cabaret
nun gioco in borsa più perchè la borsa è scesa giù
‘o liquido po’ solido te l’he pigliato tu
‘o panfilo ‘e Lucrino ‘o bar ‘e Margellina
‘n’albergo ‘e via Medina cu’ l’ipoteca su
ma dimme che vuò chiù ma dimme che vuò chiù.
Ormai sono agli sgoccioli nun tengo niente cchiù
me so’ spugliato e tacchete te’ sì vestuta tu
mo sciale e campe ‘e rendita e io stento pe’ campà
tu sì ‘a ricchezza mobile e io ‘o monte da’ pietà
‘o martire songh”i Maria Marì Maria Marì
me spoglio sì pe’ te comme ‘na diva e cabaret
nun gioco in borsa più perchè la borsa è scesa giù
‘o liquido po’ solido te l’he pigliato tu
‘o scrigno pe’ gioielli ‘nu quadro ‘e Raffaello
perfino ‘o piedistallo co’ busto ‘e zia Lulù
ma dimme che vuò chiù ma dimme che vuò chiù
‘o lietto e ‘e culunnette cu’ l’apparato ‘e notte
nemmeno ‘na sanguetta fa chello che faje tu
nun tengo niente cchiù nun tengo niente cchiù
nun tengo niente cchiù nun tengo niente cchiù

‘Na rosa e ‘na buscia

Carmela cchiù doce d”o bene
cchiù amaro d”e pene sì stata cu’ me
m”he data ‘na rosa cchiù rossa d”o fuoco
e ‘sta vocca carnale cchiù ‘e te
e mò tutt’ ‘nzieme anema mia
m”he lassata ‘na buscia
nun t”he fatt’ cchiù vedè
pecchè m”he lassate pe’ na via
cu’ ‘na rosa ‘ncumpagnia
senz”amice e senz”e te.
‘Stu mese ‘stu mese d”e rrose
me parlane ‘e ccose cchiù triste pe’ me
sì è Maggio nun pare che è Maggio
Carmela cchiù doce d”o bene
cchiù amaro d”e pene sì stata cu’ me
m”he data ‘na rosa cchiù rossa d”o fuoco
e ‘sta vocca carnale cchiù ‘e te
e mò tutt’ ‘nzieme anema mia
m”he lassata ‘na buscia
nun t”he fatt’ cchiù vedè
pecchè m”he lassate pe’ na via
cu’ ‘na rosa ‘ncumpagnia
senz”amice e senz”e te.
‘Stu mese ‘stu mese d”e rrose
me parlane ‘e ccose cchiù triste pe’ me
sì è Maggio nun pare che è Maggio
stì rrose nun voglio nemmeno vedè
e mò …. pecchè … m”he lassate pe’ ‘na via
cu’ ‘na rosa ‘ncumpagnia
senz”amice e senz”e te.