Lettera O

‘O cavalluccio russo russo

Cammina ‘o vicchiariello chiano chiano sotto ‘o sole
e tira ‘a carrettella chiena e tanta cianfrusaglie
ritratte ‘e nonne campane ‘e vitre
tutt”e ricorde truvate abbandunate
dint”e viche for”e porte
‘nu cavalluccio ‘e pezza mò è spuntato
‘a sotto ‘a ‘na ghirlanda ‘e sciure ‘e carta
tutt’ammaccato e cu’ ‘na recchia sola
me guarda e pare ‘e dicere chiagnenno
vulevo n’atu poco ‘e cumpagnia
d”o guagliunciello ca’ s”è fatto gruosso
ma chillo m”ha jettato miez”a via
povero cavalluccio russo russo.
Penzanno ‘a tantu bene già scurdato
suspira ‘a pazziella sott”o sole
e ‘mieze ‘a chest”i ccose arravugliate
se vede ca’ pur’essa adda murì.

‘O guastafeste

L’aggio saputo tramite ‘n’amico
ma ditto “ho saje Bellella va a spusà”
l’invito comme va tu nun l’e avute
cheste so cose ca nun sanna fa!
L’aggio ditte è cosa e niente
o ‘nvitato pò ‘nvità!
Pe nun ghi’ ch”e mmane mmane
porto e suone p”a spassà!
Bella bè sientete e suone
sta scicca serenata vene a te
siente siè sti manduline
stasera songo ‘nsiste comma a me
pecche’ o core nun se ‘nganna
nun se danne ‘nfaccia o viento
bene, suonne e giuramente
ca facive ‘mbraccia a me!
Jamme belle prufesso’
site pronte p’attaccà
facimmela chiù ‘nsiste a serenata
pecchè stasera l’aggia ‘ntussecà
..
E’ tardi e o cuncertino sona ancora
o sposo guarde l’ore e guarda a te
ca si cchiù bella ‘e na Madonne e cera
chiù bella e quanno apparteniva a me
A chiusura d”a serata
core ‘ngrato aggia canta’
sotto all’uocchie e st’invitate
pecche’ a festa aggia guasta’!
(strumentale)
Pecche’ o core nun se ‘nganna
nun se danno ‘nfaccia o viento
bene, suonne e giuramente
ca facive ‘mbraccia a me!
Jamme belle prufesso’
site pronte p’attaccà
facimmela chiù ‘nsiste a serenata
pecchè stasera l’aggia fa tremma’!.

‘O divorzio

Sienteme a me spartimmece
nun ne parlamme cchiù
so’ bella fresca e giovane
ma godo ‘a giuventù
io pure cchiù ‘e cient’uommene
pozzo lassà e piglià
me sposo e po divorzio
si ‘o fatto nun me va
io voglio divorzià
io voglio divorzià
pecchè aggia campà
in piena libertà
e accussì cu’ ‘stu divorzio
ce lassamme ma che fa
nuje campamme alleramente
senza maje ce ‘ntussecà
tu te piglie a chi vuo tu
io me piglio a chi voglio i’
e pirciò accummence a fa
‘a mappata tu e mammà.
So’ stata schiava crideme
tant’anne ‘nzieme a te
sempe veleno e tuosseche
chesto tu ‘e date a me
perciò me voglio spartere
pirciò nun me’ ‘a scuccià
appena ‘a legge approvano
cchiù allera aggia campà
io voglio divorzià
io voglio divorzià
pecchè aggia campà
in piena libertà
e accussì cu’ ‘stu divorzio
ce lassamme ma che fa
nuje campamme alleramente
senza maje ce ‘ntussecà
tu te piglie a chi vuo tu
io me piglio a chi voglio i’
e pirciò accummence a fa
‘a mappata tu e mammà
tu te piglie a chi vuo tu
io me piglio a chi voglio i’
e pirciò accummence a fa
‘a mappata tu e mammà
io voglio divorzià
io voglio divorzià
pecchè aggia campà
in piena libertà

‘O spogliarello

Lo spogliarello è un numero di grande attualità
si addice al sesso debole ma l’ommo che adda fa
eppure esiste il martire che ‘o fa senza vulè
e desse pure l’anema pe’ fa cuntenta a te
‘o martire songh”i Maria Marì Maria Marì
me spoglio sì pe’ te comme ‘na diva e cabaret
nun gioco in borsa più perchè la borsa è scesa giù
‘o liquido po’ solido te l’he pigliato tu
‘a casa co’ cavallo ‘o parco co’ castello
la ditta di Rapallo l’industria di caucciù
ma dimme che vuò chiù ma dimme che vuò chiù.
Accumminciaie ‘nu sabato la mia calamità
pecchè ce steva ‘o sciopero de’ mezze da’ città
passavo con la macchina e pe’ te fa notà
alzasti il dito pollice per farti accompagnà
‘o martire songh”i Maria Marì Maria Marì
me spoglio sì pe’ te comme ‘na diva e cabaret
nun gioco in borsa più perchè la borsa è scesa giù
‘o liquido po’ solido te l’he pigliato tu
‘o panfilo ‘e Lucrino ‘o bar ‘e Margellina
‘n’albergo ‘e via Medina cu’ l’ipoteca su
ma dimme che vuò chiù ma dimme che vuò chiù.
Ormai sono agli sgoccioli nun tengo niente cchiù
me so’ spugliato e tacchete te’ sì vestuta tu
mo sciale e campe ‘e rendita e io stento pe’ campà
tu sì ‘a ricchezza mobile e io ‘o monte da’ pietà
‘o martire songh”i Maria Marì Maria Marì
me spoglio sì pe’ te comme ‘na diva e cabaret
nun gioco in borsa più perchè la borsa è scesa giù
‘o liquido po’ solido te l’he pigliato tu
‘o scrigno pe’ gioielli ‘nu quadro ‘e Raffaello
perfino ‘o piedistallo co’ busto ‘e zia Lulù
ma dimme che vuò chiù ma dimme che vuò chiù
‘o lietto e ‘e culunnette cu’ l’apparato ‘e notte
nemmeno ‘na sanguetta fa chello che faje tu
nun tengo niente cchiù nun tengo niente cchiù
nun tengo niente cchiù nun tengo niente cchiù

‘O timido

Da ‘na semmana sempe ‘a stessa scena
te firme puntualmente ‘a ‘stu puntone
e tutt”e vote è ‘a solita canzone
‘a guarde e te faje russo la per là
pe’ ‘st’uocchie nire staje perdenno ‘o suonno
e po’ nun tiene core da’ fermà
sì timido sì timido ma scetate guagliò
fatte curaggio fermala ma fallo primma ‘e mo
lo sai che la donna è mobile e ammore vene e va
si nun l’acchiappe subito dimane po’ cagnà
l’ha ditte a me ca’ te vo’ bene
e pe ‘stu bene nun dorme cchiù
sì timido sì timido ma ne chi t’ho fa fà
tu aspiette ‘nu miracolo che è stato fatto già.
E’ fatta ‘na scummessa e te ne piente
e chill’amico tuoje già se ne vanta
‘o staje purtanne troppo a lluongo ‘o cunto
nun aspettà dimane siente a me
si nun te muove ampresse cagne ‘o viento
e ‘mbraccie a n’ato chella se ne va
sì timido sì timido ma scetate guagliò
fatte curaggio fermala ma fallo primma ‘e mo
lo sai che la donna è mobile e ammore vene e va
si nun l’acchiappe subito dimane po’ cagnà
l’ha ditte a me ca’ te vo’ bene
e pe ‘stu bene nun dorme cchiù
sì timido sì timido ma ne chi t’ho fa fà
tu aspiette ‘nu miracolo che è stato fatto già.
l’ha ditte a me ca’ te vo’ bene
e pe ‘stu bene nun dorme cchiù
sì timido sì timido ma ne chi t’ho fa fà
tu aspiette ‘nu miracolo che è stato fatto già.
che è stato fatto già che è stato fatto già.

‘O tiempo ‘e Maria

Maria Marì era ‘o tiempo ca’ tu me dicive curaggio
Maria Marì nun tenevo ‘na lira era ‘o tiempo ‘e Maria
ma putevo sperà ma putevo sunnà
‘nu dimane cercave ‘nu dimane pe’ nuje
mo aggiu fatte furtuna e me sento nisciuno
Maria Marì e me songo truvate cu’ niente ‘int”e mmane
Maria Maria Marì Maria Maria Marì Maria Maria Marì
torna torna comme allora nun è niente ‘sta ricchezza
sì nun tuorne tu sì nun tuorne tu
ma putevo sperà ma putevo sunnà
‘nu dimane cercave ‘nu dimane pe’ nuje
Maria Maria Marì Maria Maria Marì Maria Maria Marì
torna torna comme allora nun è niente ‘sta ricchezza
sì nun tuorne tu sì nun tuorne tu

‘O monumento

Nuje parimme duje palumme ‘nnammurate
sempe ‘mpace sempe allere appassiunate
tutt”a gente d”o quartiere nun se pò capacità
e ce dice ma scusate chistu fatte comme va?
State sempe in armonia nun ve appiccecate maje
manche n’ombra ‘e gelusia ve vulite bene assaje
si si si si ce vulimme bene assaje
Peppeniè Peppeniè c’hanna fa ‘nu monumento
abbracciate a me e a te miezo ‘o largo ‘a carità
proprio llà proprio llà e hanna scrivere accussì
bona gè chisti ccà song”e vvere ‘nnammurate
cchiù felice d”a città.
Nuje passamme l’ore sane core e core
e parlamme ‘e sentimento bene e ammore
l’ata sera un giornalista ce venuto a intervistà
e c”ha ditto ma truvate ‘na mezz’ora pe’ mangià
state sempe mane e mane nun facite ‘o riesto ‘e niente
‘e ghiurnate sane sane ve baciate sulamente
si si si si ce vasamme sulamente
Peppeniè Peppeniè c’hanna fa ‘nu monumento
abbracciate a me e a te miezo ‘o largo ‘a carità
proprio llà proprio llà e hanna scrivere accussì
bona gè chisti ccà song”e vvere ‘nnammurate
cchiù felice d”a città
proprio llà proprio llà e hanna scrivere accussì
bona gè chisti ccà song”e vvere ‘nnammurate
cchiù felice d”a città cchiù felice d”a città cchiù felice d”a città.

‘O destino

‘Na sera ‘e giugno cammina cammina
‘ncuntraie ‘o destino
je l’he dicette aiutame
dammella ‘sta figliola ca’ me piace
che è senza core m’ha levate ‘a pace
e ‘o destino dicette accussì
ma chi sì tu pe’ nun suffrì
sì ‘nnammurato embè stamme a sentì
è ‘na ragione ‘e cchiù chi vo ‘a felicità
‘stu prezzo adda pavà
damme ‘nu sciummo ‘e lacreme
ciente nuttate chiare chiare
damme ‘a vita pe’ st’ammore giuvinò
si vulimme cumbinà
e io senza riflettere rispunnette si
rispunnette si
è ‘na ragione ‘e cchiù chi vo ‘a felicità
‘stu prezzo adda pavà
damme ‘nu sciummo ‘e lacreme
ciente nuttate chiare chiare
damme ‘a vita pe’ st’ammore giuvinò
si vulimme cumbinà
e io senza riflettere rispunnette si
rispunnette si
ma chi song’ ‘i pe’ nun suffrì
‘stu prezzo aggia pavà
pecchè è accussì

‘O tuono e marzo

Tutt”e vote puntualmente essa rispunneve oi nì
vuie parlate inutilmente chi cercate nun song’ ‘i
mise e mise ce sò stato sempre appriesso
e cca perciò m’er’ quasi rassignato a sentirme sempe no
quanno meno te l’aspiette mentre è vierno e l’aria è nera
‘o tuono ‘e marzo vene e porta ‘a primmavera
e accussì chi s’aspettava a te Nanninella
all’intrasatta bella e ardente comm”a che
tale e quale ‘o tuono e marzo è caduta ‘mbraccio me.
Tutt”e vote ca’ io pa’ strada ‘a cercave da fermà
me faceva ‘na guardata me sentevo ‘e minaccià
e vabbene sissignore te sì cuotto nun dì no
je dicevo a chistu core ma ‘a guaglione nun te vò
e accussì chi s’aspettava a te Nanninella
all’intrasatta bella e ardente comm”a che
tale e quale ‘o tuono e marzo è caduta ‘mbraccio me.