Festival di Napoli 1970

‘O cavalluccio russo russo

Cammina ‘o vicchiariello chiano chiano sotto ‘o sole
e tira ‘a carrettella chiena e tanta cianfrusaglie
ritratte ‘e nonne campane ‘e vitre
tutt”e ricorde truvate abbandunate
dint”e viche for”e porte
‘nu cavalluccio ‘e pezza mò è spuntato
‘a sotto ‘a ‘na ghirlanda ‘e sciure ‘e carta
tutt’ammaccato e cu’ ‘na recchia sola
me guarda e pare ‘e dicere chiagnenno
vulevo n’atu poco ‘e cumpagnia
d”o guagliunciello ca’ s”è fatto gruosso
ma chillo m”ha jettato miez”a via
povero cavalluccio russo russo.
Penzanno ‘a tantu bene già scurdato
suspira ‘a pazziella sott”o sole
e ‘mieze ‘a chest”i ccose arravugliate
se vede ca’ pur’essa adda murì.

‘A nave

Ammore ammore te voglio bene
ma tu nun pienze che tengo ‘o core
ammore ammore te voglio bene
ma me ne vaco luntano ‘a te.
‘E strade ‘e stu quartiere
pe’ me nun sò chiù amiche
‘a quando chisto ammore
ma ‘ncatenato a te
si passa ancora ‘o tiempo
io ‘mpazzisco appriesso a te.
Ammore ammore te voglio bene
ma tu nun pienze che tengo ‘o core
ammore ammore te voglio bene
ma me ne vaco luntano ‘a te.
Io piglio ‘a nave, stasera piglio ‘a nave
e dico no a ‘st’ammore
che allucca ca pe te
nun trovo pace
pe’ te nun trovo pace
‘stu core mio s’abbruce
nun ce sta niente ‘a fa
sì piglio ‘a nave
stasera piglio ‘a nave
e lascio ‘stu paese
pecchè voglio campà.
Ammore ammore te voglio bene
ma tu nun pienze che tengo ‘o core
ammore ammore te voglio bene
ma me ne vaco luntano ‘a te.
Me dive appuntamento
dicive pure ll’ora
‘na vota ce venive
e ciento vote no
si passa ancora ‘o tiempo
io ‘mpazzisco appriesso a te.
Ammore ammore te voglio bene
ma tu nun pienze che tengo ‘o core
ammore ammore te voglio bene
ma me ne vaco luntano ‘a te.
Io piglio ‘a nave, stasera piglio ‘a nave
e dico no a ‘st’ammore
ca nun me fa durmì
nun trovo pace
pe’ te nun trovo pace
‘stu core mio s’abbruce
nun ce sta niente ‘a fa
io piglio ‘a nave
stasera piglio ‘a nave
e lascio ‘stu paese
pecchè voglio campà.
Ammore ammore te voglio bene
ma tu nun pienze che tengo ‘o core
ammore ammore te voglio bene
ma me ne vaco luntano ‘a te.

‘Nnammurato ‘e Marechiaro

Me ne partett’ ‘a Napule pe’ me truvà ‘na bella ‘nnammurata
fore paese bella gentile amabile e curtese
gira e gira ‘o munno mò sò turnato ccà
‘nduvina ‘nduvinello ‘nduvina a qua’ città
l’haggiù truvata ‘sta ‘nnammurata
l’haggiu truvata a Napule abbascio Marechiare
è nata a Marechiare stà ‘e casa a Marechiare
tene ‘na faccia d’angelo e l’uocchie nire nire
l’haggia ‘mparata a dì una parola ammore
m’he stregne tutt”e sere ‘ncopp”o core
me dice voglio bene sulo a te
e pò s’accucciulè dint”a stì braccia
nonna nonna nunnarella
s’addorme e sonna Napule
s’addorme e sonna a me
tene ‘na faccia d’angelo e l’uocchie nire nire
l’haggia ‘mparata a dì una parola ammore
m’he stregne tutt”e sere ‘ncopp”o core
me dice voglio bene sulo a te
e pò s’accucciulè dint”a stì braccia
nonna nonna nunnarella
s’addorme e sonna Napule
s’addorme e sonna a me
s’addorme e sonna Napule
s’addorme e sonna a me