‘O divorzio

Sienteme a me spartimmece
nun ne parlamme cchiù
so’ bella fresca e giovane
ma godo ‘a giuventù
io pure cchiù ‘e cient’uommene
pozzo lassà e piglià
me sposo e po divorzio
si ‘o fatto nun me va
io voglio divorzià
io voglio divorzià
pecchè aggia campà
in piena libertà
e accussì cu’ ‘stu divorzio
ce lassamme ma che fa
nuje campamme alleramente
senza maje ce ‘ntussecà
tu te piglie a chi vuo tu
io me piglio a chi voglio i’
e pirciò accummence a fa
‘a mappata tu e mammà.
So’ stata schiava crideme
tant’anne ‘nzieme a te
sempe veleno e tuosseche
chesto tu ‘e date a me
perciò me voglio spartere
pirciò nun me’ ‘a scuccià
appena ‘a legge approvano
cchiù allera aggia campà
io voglio divorzià
io voglio divorzià
pecchè aggia campà
in piena libertà
e accussì cu’ ‘stu divorzio
ce lassamme ma che fa
nuje campamme alleramente
senza maje ce ‘ntussecà
tu te piglie a chi vuo tu
io me piglio a chi voglio i’
e pirciò accummence a fa
‘a mappata tu e mammà
tu te piglie a chi vuo tu
io me piglio a chi voglio i’
e pirciò accummence a fa
‘a mappata tu e mammà
io voglio divorzià
io voglio divorzià
pecchè aggia campà
in piena libertà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.