‘Nnammurate dispettuse

Facimme un’arte da’ matina a sera
io sò sincero e tu vota bandiera
a ‘stà bandiera mia nun scioscia viento
‘o viento scioscia te ma statte attiento
pe’ te me stò perdenno ‘na furtuna
guardate a llà pe’ chella faccia ‘e luna
guardate che garofano schiavone
vattenne tu si ‘o primmo chiacchierone.
Sì me sposo a Mariannina
aggio ‘a casa a Margellina
sì me sposo ‘a Salvatore
saglio e scengo cu’ ascensore
quanno vaco pe’ Tuledo
porto ‘a sciassa e ‘o servo arreto
quanno vaco pa’ riviera
porto ‘a musica e ‘a bandiera
sì me sposo a Mariagnese
faccio ‘o sinnaco ‘o paese
sì me sposo a Giambattista
sò ‘a reggina ‘e Bellavista
me voglio cunsulà
voglio abballà voglio cantà
‘nu ricco matrimonio voglio fa.
Si tu me cirche scusa ‘e ‘st’incidente
io te perdono e dico nun fa niente
io si te veco addunucchiato ‘nterra
te dico sempe no dichiaro guerra
è fatta ‘a faccia bianca e nun t’arrienne
aggiu capito jamme vienetenne
pecchè nun te ne vaie chi te mantene
te n’apprufitte ca’ te voglio bene
Sì me sposo a Mariannina
a chi ‘o ddico cassatina
sì me sposo ‘a Salvatore
a chi ‘o ddico dolce amore
tiene e labbra d”a vucchella
comme ‘a vocca ‘e ‘na rusella
e tu tiene ‘sti capille ricciulille ricciulille
tu d”e belle sì ‘a cchiù bella
ma pecchè sì pazzarella
tu s’ pazzo e sì ‘mpicciuso
capotuosto e curiuso
turnamme n’ata vota accummincià
ma che vuò fà
mò tengo ‘e nierve
e tu nun m’he ‘a scuccià