Festival di Napoli 1957

Cantammola ‘sta canzone

So’ mille ‘e mille ‘ste fenestelle
e ognuna tene ‘o luccico ‘e ‘na stella
a ccà s’affaccia ‘na capa riccia
a llà ‘na scuntrusella ‘a stà a guardà
arriva ‘nu tenore ‘ndò stanno ‘e prufessure
e jamme jamme jamme ‘a serenata adda vulà
cantammola ‘sta canzone c’addora ‘e mare
sunammola ‘sta chitarra che sceta ‘a luna
purtammo ‘sta serenata cu’ tutto ‘o core
pa’ bionda pa’ rossa pa’ bruna
scetammole cu’ ‘e suspire ‘ste nenne in fiore
dicimmece ‘na parola che ‘e fa sunnà
ammore ammore ammore
cantammola ‘sta canzone c’addora ‘e mare

‘A luna saglie a foglia a foglia
e mieze ‘e rrose va cercanne ‘a meglio
ma po’ se ‘mbroglia a ‘sta luna ‘e Luglio
e a nnammurata mia nun vò argentà
e ‘a bionda ca’ se spassa ‘a bionda m’arrepasse
e ‘a bruna guarda e dice oi nì oi nì chi t’ho fa fa
scetammole cu’ ‘e suspire ‘ste nenne in fiore
dicimmece ‘na parola che ‘e fa sunnà
ammore ammore ammore
cantammola ‘sta canzone c’addora ‘e mare
cantammola ‘sta canzone c’addora ‘e mare

Bene mio

Quanno dint’ a ‘sti braccia te voglio astregnere
quanno cu’ l’uocchie chiuse staie ‘mbraccio a me
sento che t’abbandune cu’ tutta ll’anima
co’ stesso desiderio ca io teng”e te
bene mio cchiù belle te faje
bene mio cchiù doce tu sì
io nun saccie comme può stà pe’ n’or sola luntano a me
ma me pare n’eternità si stonghe n’ora luntano a te
bene mio te voglio vasà ‘mbraccio a me pe’ te fa sunnà.
Quanno s’accosta ll’ora ‘sti vocche tremmano
tutte scurdamme e niente ce po fermà
dint’ a chest’ora ardente turnamme a nascere
pare ‘na cosa nova ‘a felicità
io nun saccie comme può stà pe’ n’or sola luntano a me
ma me pare n’eternità si stonghe n’ora luntano a te
bene mio te voglio vasà ‘mbraccio a me pe’ te fa sunnà.