Nun sì ‘na femmena

Quanto sò belle sti manelle ‘e fata
quanto sò: belle st’uocchie tuie curvine
e chesta chioma nera e avvellutata
pare na massa ‘e file ‘e seta fine.Gnernò , nun sì na femmena,
tu sì na cesta ‘e rose
sì nu canisto ‘e fravule addirose;
Gnorsì , te l’aggia dicere
ca ‘nterra sì na stella
tu sì na scarda ‘e femmena,
sì troppo bella, bella ojnè .
‘A primma vota ca t’aggio ‘ncuntrata
nu lampo me sentette ‘e venì ‘mpietto
e ‘ncapa a mme penzaie mo chisto è stato
‘o Pateterno a farme stu dispietto.
Gnernò , nun sì na femmena,
tu sì na meraviglia
ma comm’ ‘a fatto mammeta sta figlia;
Gnorsì , te l’aggia dicere
ca sì na melodia
tu sì ‘a cchiù bella musica,
d’ ‘a vita mia, spusate a mme.
S’io fossi ‘o presidente ‘e na giuria,
senza pensarce ‘ncoppa t’eleggesse
l’unica Miss ‘e tutta ‘a vita mia
e forte dint’ ‘e braccia t’astrignesse.
Gnernò , nun sì na femmena,
tu sì na tentazione
si ‘nu supplizio sì na dannazione;
Gnorsì , te l’aggia dicere
ca sì na calamità peggio d’ ‘a bomba atomica
me lieve ‘a vita, crideme a mme.